Sanità

dic192015

Ecm, Conasfa: sistema da rivedere. Più attenzione a difficoltà dipendenti

Ecm, Conasfa: sistema da rivedere. Più attenzione a difficoltà dipendenti
Rivedere l'intera organizzazione del lavoro e dei corsi, nonché coinvolgere la parte datoriale e le rappresentanze dei farmacisti dipendenti nella definizione delle criticità e di una revisione del sistema, così da mettere in campo risposte in grado di affrontare le sfide della professione e del mondo del lavoro. È questo l'appello che parte da Conasfa, Federazione Nazionale Associazioni Farmacisti Non Titolari, e Sinasfa, Sincadato Nazionale dei Farmacisti non Titolari, alla luce del rinnovo della commissione Ecm da parte del ministro della Salute, che dovrebbe ridare impulso ai lavori di riforma. Punto di partenza di un lavoro di riforma, si legge nella nota, deve essere il riconoscimento «delle difficoltà strutturali che i farmacisti collaboratori hanno sempre affrontato», che vedono «un aggiornamento relegato alle ore notturne della giornata o a spicchi di week end (visto l'aumento degli orari di apertura e di flessibilità diffusamente richiesti)». Oltre che con costi che «gravano sul dipendente che sconta già un contratto scaduto dal 2013» aggiunge Francesco Imperadrice, presidente Sinasfa. «Sfidiamo chiunque» continua il Conasfa «a poter garantire negli anni un adeguato livello di apprendimento in queste condizioni, col concomitante rischio di spingere i professionisti a ricorrere per una parte della formazione a soluzioni di scarso profilo». «La formazione» spiega ancora Imperadrice «andrebbe ripensata ed effettuata durante le ore lavorative, come avviene per altre categorie professionali. D'altra parte, le sfide che ci si aprono davanti sono troppo importanti e una formazione di qualità è indispensabile per poterle affrontare. Con un vantaggio che non solo ricade sulla singola azienda ma sull'intero sistema farmaceutico e sanitario». Da qui la conclusione: «Invitiamo la Commissione Ecm a coinvolgere la parte datoriale e le rappresentanze dei farmacisti dipendenti a un serio lavoro di squadra per non vanificare, nei prossimi anni, capacità ed entusiasmi sul campo vitali per affrontare le sfide già aperte nella nostra professione e nel mondo del lavoro».

Francesca Giani
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO