Sanità

ott232019

Ecm, sconto crediti per le nuove professioni sanitarie. La situazione dei farmacisti

Ecm, sconto crediti per le nuove professioni sanitarie. La situazione dei farmacisti

La commissione nazionale Ecm ha previsto una riduzione dei crediti per le nuove professioni sanitarie. Incertezza per i farmacisti

In tema di obblighi Ecm, per le nuove professioni sanitarie (Legge Lorenzin, n. 3 dell'11 gennaio 2018), dalla commissione nazionale Ecm è stata deliberata, in una riunione di fine luglio, la possibilità di portare in riduzione sul prossimo triennio 2020-2022 i cinquanta crediti acquisiti entro fine anno.
Ne ha dato notizia una comunicazione riportata sul sito dedicato della Commissione, mentre per i farmacisti continua il conto alla rovescia, con 69 giorni di tempo per completare gli obblighi formativi entro la fine del triennio 2017-2019.
Per quanto riguarda le nuove professioni sanitarie, di cui alla Legge Lorenzin, secondo quanto riporta la delibera uscita dalla riunione della Commissione Ecm del 25 luglio, è stato stabilito che per i professionisti per cui non sussisteva un obbligo di formazione continua mediante l'acquisizione di crediti Ecm precedente alla legge Lorenzin «per il triennio 2020-2022, potranno portare in riduzione i cinquanta crediti formativi Ecm che abbiano acquisito entro il 31 dicembre 2019».
Un provvedimento preso alla luce del fatto che è stato «ritenuto opportuno riconoscere un incentivo volto a evitare che le incertezze derivanti dal periodo transitorio attuativo della legge Lorenzin possano ingenerare il procrastinarsi dell'iscrizione all'albo professionale».


Farmacisti: più attenzione a formazione

Per i farmacisti, mancano 69 giorni alla fine del triennio. «La percezione» fa il punto Giovanni Zorgno, presidente dell'Ordine di Savona e membro della Commissione nazionale formazione continua, in qualità di rappresentante della Fofi, «è che dopo il caso, prima dell'estate, dell'odontoiatra di Aosta sanzionato si sia diffusa una maggiore attenzione e ci sia stata una maggiore spinta a ottemperare gli obblighi Ecm. Ancora, però, non è possibile avere un quadro preciso, né del triennio scorso ('14-16) né di quello in chiusura ('17-19). Questo in relazione, in particolare, alla possibilità di spostamento dei crediti dal triennio in corso a quello precedente e al tempo eventualmente previsto per il caricamento dei crediti sulla piattaforma Cogeaps. Ci aspettiamo che la situazione sarà più chiara più avanti. Il nostro augurio al momento è che venga prorogata la possibilità di spostare i crediti da un triennio all'altro anche dopo il 31 dicembre». A ogni modo, «forse anche alla luce del cambio al Ministero, siamo in attesa di una nuova riunione della Commissione Ecm, che dovrà, tra l'altro, anche deliberare regole e indicazioni per il prossimo triennio».


Francesca Giani


Approfondimenti

Ecm, aumenta attenzione su adempimento obblighi. Guida su calcolo crediti e formazione individuale
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO