FITOTERAPIA

giu162022

Effetto del trattamento con Scutellaria baicalensis nella fase acuta della malattia di La Peyronie

Sebbene i farmaci orali comunemente usati per la malattia di La Peyronie (PD) non abbiano mostrato una efficacia significativa, la maggior parte dei pazienti preferisce comunque i farmaci per via orale, rispetto ad altri trattamenti.
Lo scopo di questo studio è stato quello di valutare l'efficacia e la sicurezza dell'estratto di Scutellaria baicalensis per il trattamento di pazienti con PD in fase acuta ed esaminare la praticità delle strategie di trattamento in base al decorso della malattia.

Questo studio retrospettivo è stato condotto dal 2005 al 2015 e ha analizzato i dati di 261 pazienti con PD. I pazienti con PD in fase acuta hanno ricevuto l'estratto di Scutellaria baicalensis per 6 mesi. Dopo il trattamento orale, i pazienti con curvatura persistente dell'asta sono stati sottoposti a correzione chirurgica durante la fase di stabilità clinica. Nel dettaglio, 183 pazienti hanno ricevuto un trattamento orale con Scutellaria baicalensis e 78 pazienti no.
Rispetto ai pazienti non trattati, il trattamento con Scutellaria baicalensis ha avuto un effetto significativo nel miglioramento dei sintomi del PD in fase acuta. Anche il tempo medio richiesto per la stabilizzazione ha mostrato una differenza statistica significativa. Il trattamento con Scutellaria baicalensis è risultato sicuro e ben tollerato. Dopo che la malattia si è stabilizzata, 70 e 31 pazienti, rispettivamente, con significativa curvatura del pene sono stati sottoposti a correzione chirurgica mediante plicatura a 16 punti e procedure di innesto della vena grande safena. Al follow-up di un anno, il raddrizzamento completo del pene e l'accorciamento della lunghezza del pene sono stati osservati rispettivamente nel 92,86% e nel 41,43% dei pazienti dopo la plicatura a 16 punti e nell'87,10% e nel 25,81% dei pazienti dopo le procedure di innesto. Il dominio della Funzione Erettile postoperatoria, della scala Indice Internazionale di Funzione Erettile è stato mantenuto in tutti i pazienti dopo la procedura di plicatura a 16 punti ed è diminuito nel 54,84% dei pazienti dopo la procedura di innesto. Complessivamente, il 92,86% e l'83,87% dei pazienti che hanno ricevuto rispettivamente la plicatura a 16 punti e le procedure di innesto sono stati soddisfatti dei risultati chirurgici finali. Conclusioni: Il trattamento con estratto di Scutellaria baicalensis sembra migliorare i sintomi della PD in fase acuta e l'accelerazione della stabilizzazione della malattia. La plicatura a 16 punti e la procedura di innesto della vena grande safena sembrano opzioni efficaci nella gestione chirurgica della fase stabile dopo la somministrazione di Scutellaria baicalensis nella fase acuta del PD.

Wen Ji Li , Jiewen Bao, Da-Chao Zheng , Jianhua Guo, Min-Kai Xie, Hui Ying Chen, Zhong Wang. Treatments of Peyronie's disease with Scutellaria baicalensis and surgery according to the disease course: a single-center retrospective study of 261 patients.Ann Palliat Med. 2021 Mar;10(3):2979-2989.

Vittorio Mascherini
CERFIT
AOUCareggi

discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi