Sanità

feb222013

Elezioni, farmacia: programmi a confronto

urna

Che i vertici dell’Ordine dei farmacisti, sia il presidente Andrea Mandelli sia il vicepresidente Luigi D’Ambrosio Lettieri, siano candidati alle prossime elezioni per il Pdl, è sintomatico di un rapporto privilegiato tra la forza politica di centrodestra e la categoria. Un rapporto in nome del quale lo stesso candidato leader Silvio Berlusconi ha inviato ieri una lettera ai giovani farmacisti di Fenagifar, rispondendo alla loro missiva di richieste ai candidati alle prossime elezioni. E Berlusconi ha parlato chiaro sottolineando come «il nostro programma e le iniziative legislative assunte sono la dimostrazione che le proposte della Fenagifar sono da noi condivise e anzi in parte già avviate a concreta realizzazione». Più nello specifico Berlusconi cita la riforma Gelmini e il processo avviato «finalizzato a una formazione universitaria innovativa e sempre più rispondente alle esigenze delle professioni e del mercato del lavoro». Poi il leader del Pdl rivendica la nascita della Farmacia dei servizi sotto il suo Governo e addebita il mancato rinnovo della convenzione farmaceutica a «un blocco per volontà delle Regioni guidate dal Pd». Infine Berlusconi parla di «strenua difesa dei principi di autonomia e indipendenza della professione».
Il Pd, che non vanta nessun candidato farmacista tra le sue fila, non può che giocare in difesa e ha improntato la campagna elettorale sul concetto di dialogo con i farmacisti. Con alcune aperture significative. Ignazio Marino, senatore Pd e presidente della Commissione parlamentare sugli errori in sanità, ha sottolineato, infatti, come le farmacie siano un imprescindibile tassello del sistema sanitario e siano protagoniste dell’idea di “meno ospedale e più territorio” che è centrale per il Pd. Fondamentale l’approdo in farmacia dei medicinali innovativi e lo sviluppo dei servizi oltre a una remunerazione basata sul fee for service.
Ancora più complicato il compito di Scelta civica, il movimento dell’ex premier Mario Monti, che ha da scontare un anno di provvedimenti governativi vissuti dai farmacisti come ostili. Nessun riferimento specifico alle farmacie nel programma del partito centrista, anche se Ettore Novellino, presidente dell’Ordine dei farmacisti di Avellino e candidato con Monti, ha parlato di confronto con la categoria e «di tentativo di rompere il conservatorismo diffuso tra i farmacisti». Inoltre lo stesso Novellino ha auspicato un ruolo di argine al rischio «di liberalizzazioni sfrenate» che potrebbero sortire da un governo targato Pd. Oscar Giannino, il leader di Fare per fermare il declino se da una parte, nell’incontro organizzato da Federfarma a inizio mese, ha aperto ai farmacisti sottolineando che «bisogna smetterla di prendersela con il comparto farmaceutico che non è il nemico» e che ha già pagato negli ultimi quattro anni oltre 11 miliardi al risanamento, che si sono tradotti in tagli  all'innovazione e alla ricerca», dall’altra in una successiva lettera alle parafarmacie le ha definite  «un elemento di sviluppo forte per il nostro paese». Una definizione in linea con le idee liberiste del Movimento e del suo leader che ha aggiunto anche come , «non esiste alcuna ragione al mondo» per cui i farmacisti di farmacia e quelli di parafarmacia «debbano essere trattati in modo diverso». Rivoluzione civile, movimento di Antonio Ingroia, che ha tra le sue fila Maria Ippolito, presidente dell’Ordine dei farmacisti di Caltanissetta, ha proposto di «rivedere il sistema della remunerazione» e di allargare la platea di esenti per i farmaci di fascia C, dai «pensionati ai disoccupati, a chi ha un salario minimo come lavoratore». Infine il Movimento 5 Stelle, di cui non sono circolate proposte specifiche relative alla farmacia, ma più genericamente proposte relative ai farmaci con i particolare la promozione dei farmaci fuori brevetto e delle prescrizioni per principio attivo.

Marco Malagutti


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO