Sanità

set192017

Ema a Milano, nasce l'intergruppo parlamentare. Maroni: unità di intenti tra Comune, Regione e Governo

Ema a Milano, nasce l’intergruppo parlamentare. Maroni: unità di intenti tra Comune, Regione e Governo
«Di solito, l'Italia è considerata un Paese dove tutti si dividono, non c'é mai unità di intenti. Qui, invece, l'abbiamo dimostrato ampiamente, con Expo prima, con il Cio e, adesso, con Ema: Comune di Milano, Regione e governo uniti per sostenere questa candidatura". Lo ha dichiara il governatore lombardo Roberto Maroni, a margine della presentazione dell'Intergruppo per Ema, a Palazzo Marino, a Milano. «Il caso di Ema è davvero un'operazione di unione dello sforzo di tutte le istituzioni per avere un risultato utile per Milano, la Lombardia, l'Italia», sottolinea Maroni, durante il suo intervento in conferenza stampa. «Milano ha un dossier molto forte, competitivo, siamo al top tra tutte le candidature, io ho messo a disposizione il Pirellone e, tra gli investimenti che abbiamo fatto nella Città della Salute e della Ricerca, a Sesto San Giovanni, e Human Technopole, credo, davvero, che non ci sia una destinazione migliore per Ema che quella di Milano», sostiene. «È stato fatto un lavoro straordinario come dossier, come presentazione e come presenza del governo, con Gentiloni che ci ha messo la faccia», continua. «Le istituzioni sono tutte compatte, insieme al mondo delle imprese, con la regia del governo: almeno, per una volta, siamo l'immagine di un'Italia che è unita», aggiunge. Per quanto riguarda il comodato d'uso del Pirellone, concesso, a Ema, per 1 anno (2019), per poi incrementare l'affitto gradatamente con 2 mln di euro nel 2020, per salire a 4 mln di euro nel 2021 e andare a regime a 7 mln di euro nel 2022, metà del prezzo pagato ora da Ema, che si aggira sui 14 mln di euro, Maroni ricorda che il «Pirellone è di proprietà della Regione, quindi, con l'aiuto del governo, che ha già garantito di mettere a disposizione risorse per la sua ristrutturazione, possiamo, anche, pensare, per attrarre Ema di mettere, all'inizio, a carico di Ema, le spese di manutenzione, tenendoci a carico noi l'affitto. Si può fare, aspetto che il governo mi dica che cosa sia meglio fare. Ma noi siamo disponibili: è troppo importante avere Ema, possiamo permetterci di mettere a disposizione il Pirellone gratuitamente per qualche tempo», conclude.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO