farmaci

nov262013

Ema: restrizioni d’uso per i medicinali a base di tiocolchicoside

ossa lastra colonna

I farmaci sistemici a base di tiocolchicoside devono essere utilizzati solo a basse dosi, come terapia addizionale, a breve termine, per il trattamento delle contratture muscolari dolorose derivanti da condizioni patologiche della colonna vertebrale. Sono queste alcune delle nuove raccomandazioni del Comitato per i prodotti medicinali per uso umano (Chmp) dell’Ema, divulgate al termine di una procedura di revisione della sicurezza del farmaco effettuata su richiesta dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa). Il bilancio beneficio/rischio del medicinale è rimasto positivo, a condizione che vengano adottate misure appropriate per la riduzione dei rischi, per cui ora i medicinali a base di tiocolchicoside per uso sistemico sono raccomandati solo come trattamento aggiuntivo per le contratture muscolari acute nella patologia spinale, per adulti e adolescenti a partire dai 16 anni di età. La dose orale massima raccomandata è di 8 mg ogni 12 ore e la durata del trattamento non deve superare i 7 giorni consecutivi; per via intramuscolare, invece, la dose massima deve essere di 4 mg ogni 12 ore, per un massimo di 5 giorni. L'uso è inoltre controindicato in gravidanza e allattamento o in donne in età fertile che non utilizzano contraccettivi, così come nei bambini o per il trattamento di malattie croniche (a lungo termine). Tutti gli operatori sanitari vengono informati e i farmacisti devono vigilare che queste condizioni siano rispettate, rinviando al medico curante i pazienti con una prescrizione per più confezioni o comunque non corrispondente al nuovo profilo del farmaco. Sono emerse infatti evidenze sperimentali che suggerivano che il metabolismo di tiocolchicoside desse origine nell’organismo ad un metabolita chiamato M2 o SL59.0955, il quale può causare danni alle cellule in divisione causando aneuploidia (cioè un numero o una disposizione di cromosomi anormali). L’aneuploidia è un fattore di rischio riconosciuto per teratogenicità, embriotossicità o aborto spontaneo e alterata fertilità maschile. In teoria aumenta anche il rischio di cancro, sebbene qualsiasi aumento di rischio di cancro significativo dipenderebbe, in generale, dall’esposizione a lungo termine alla sostanza. I metaboliti di tiocolchicoside non sono stati associati a mutagenesi (modifiche ai geni) o clastogenesi (danni strutturali ai cromosomi). Il Chmp ha concluso che l’aneuploidia potrebbe verificarsi con M2 a livelli non molto superiori a quelli osservati dopo somministrazione delle dosi raccomandate di tiocolchicoside per via orale. Le formulazioni per uso locale sulla pelle, che non danno origine a livelli rilevanti di M2 nell’organismo, non sono interessate da questa rivalutazione. La raccomandazione del Chmp sarà inviata alla Commissione Europea, che emetterà una decisione definitiva nei tempi dovuti. (E.L.)


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO