Sanità

feb52014

Enpaf, ridotto il contributo di solidarietà. Croce: presenti con i fatti

Croce_Emilio

Adesso è ufficiale: per chi versa il contributo di solidarietà l'aliquota contributiva passa dal 3 all'1%. Lo comunica una nota dell'Enpaf, che precisa come il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il ministero dell'Economia e delle Finanze abbia approvato la deliberazione dell'ente previdenziale. Del resto come nel novembre scorso aveva spiegato a Farmacista 33 il presidente dell'Ente Emilio Croce, per giustificare i tempi piuttosto lunghi per l'approvazione «le delibere devono poi passare al vaglio dei ministeri competenti che dopo tutte le verifiche del caso devono approvare». Croce aveva anche precisato come l'Enpaf sia l'unico ente previdenziale «ad avere disposto un'iniziativa del genere». Ora ad approvazione avvenuta il presidente Enpaf ribadisce l'importanza della modifica regolamentare approvata, che favorisce una rimodulazione della contribuzione soggettiva per coloro che vivono una situazione di difficoltà economica conseguente allo stato di disoccupazione. «La modifica dell'art. 21 approvata» sottolinea «come anche il contributo assistenziale straordinario in favore dei farmacisti rurali a basso reddito, e le ulteriori iniziative assistenziali in essere e quelle che verranno adottate nel corso dell'anno per alleviare le situazioni di bisogno di altre componenti la categoria dimostrano che l'Enpaf, ampliando la sfera degli interventi a sostegno del reddito, in un periodo particolarmente difficile, è presente con i fatti». Per l'anno 2014, l'importo della quota contributiva di solidarietà per i disoccupati temporanei e involontari è pari ad euro 44,00, cui vanno aggiunti 29,00 euro per il contributo di assistenza e 15,00 euro per il contributo di maternità, per un totale di 88,00 euro.

Marco Malagutti


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Ansel - Principi di calcolo farmaceutico
vai al download >>

SUL BANCO