NUTRIZIONE

lug192011

Europea la passione per grassi e alcool

Le cattive abitudini a tavola potrebbero essere scritte nel Dna degli occidentali: infatti noi europei abbiamo un “interruttore” della golosità, ovvero un gene che ci rende inclini a mangiare molti cibi grassi e a bere alcolici, gravando, quindi, sul nostro girovita già messo a dura prova da sedentarietà ed eccessi alimentari. È quanto dimostra una ricerca pubblicata sul Journal of Neuropsychopharmacology da Alasdair MacKenzie dell'università di Aberdeen in Scozia. Non solo la tendenza a ingrassare sarebbe ereditaria ma potrebbero avere una base genetica anche certi comportamenti a tavola come la voglia incontenibile di junk food. Secondo i ricercatori scozzesi questa propensione verso i “cibi-spazzatura” è insita in un gene, la Galanina, attivo nel centro dell'appetito, l'ipotalamo. L'interruttore europeo della Galanina funziona troppo, spiega MacKenzie, quindi ci induce a eccedere in grassi e alcol; nel Dna degli asiatici, invece, c'è un interruttore più soft che garantisce un maggior controllo a tavola. La variante europea è probabilmente un'eredità ricevuta dai nostri antenati e non è l’unica: anche uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine da esperti della University of Dundee mostra che la mutazione a carico del gene FTO si associa nei bambini alla preferenza per i cibi ricchi di grassi e zuccheri. Un motivo in più per controllare gli eccessi e praticare attività fisica, concludono gli autori.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Ansel - Principi di calcolo farmaceutico
vai al download >>

SUL BANCO