farmaci

gen262016

Fans e analgesico combinati a dose fissa per disturbi non differibili

Fans e analgesico combinati a dose fissa per disturbi non differibili
Vengono definiti "disturbi non differibili" (Dnf) e sono un insieme di stati infiammatori con sintomatologia mista, associati a dolore e, a volte, febbre: comprendono per esempio mal di gola, sinusite, otite, mal di denti, dolori muscolari. Se ne è parlato a Roma, nel corso della presentazione della prima e, a oggi, unica combinazione a dose fissa di paracetamolo (500 mg) e ibuprofene (150 mg) approvata in Italia che aiuterà il medico a curare in modo più semplice questi disturbi. «I Dnf (in prevalenza patologie acute) portano i pazienti, in cerca di risposte rapide ed efficaci, presso l'ambulatorio del medico di famiglia, impattando per il 30% sul suo carico di lavoro» evidenzia Pierangelo Lora Aprile, segretario scientifico e responsabile Area medicina del dolore e cure palliative della Simg (Società italiana di medicina generale e delle cure primarie).

«In queste situazioni è spesso presente un dolore di tipo infiammatorio e il medico di famiglia, nel 75% dei casi fino a oggi, faceva riferimento al Fans a dosaggio pieno come prima possibilità di cura, poiché difficilmente l'associazione con un antalgico dava garanzie di regolare assunzione. Grazie all'attività sinergica tra le due molecole, che ha consentito di ridurne le dosi, l'associazione paracetamolo-ibuprofene ha un profilo di sicurezza maggiore e potrà essere utilizzata anche per tipologie di pazienti particolari, come anziani, diabetici o soggetti affetti da patologie cardiovascolari che non potrebbero assumere antinfiammatori ai dosaggi consueti. Inoltre, laddove il medico faceva già riferimento alla possibile co-prescrizione di due farmaci - uno ad azione centrale (paracetamolo) e uno ad azione periferica (Fans) - la disponibilità di una soluzione innovativa che coniuga in un'unica compressa i due principi attivi potrà migliorare l'aderenza dei pazienti alla cura, rendendola di fatto più efficace». «Dal punto di vista farmacologico l'associazione ibuprofene-paracetamolo permette di ottenere due vantaggi fondamentali» spiega Diego Fornasari, docente di Farmacologia all'università di Milano. «Il primo è a livello farmacodinamico e riguarda l'interazione tra i due principi attivi, che hanno meccanismi d'azione diversi e complementari: mentre l'ibuprofene è un classico Fans che agisce inibendo gli enzimi implicati nei processi infiammatori, il paracetamolo è un analgesico ad azione centrale. La combinazione permette quindi di aggredire il dolore su fronti diversi, ottenendo un effetto terapeutico sinergico, superiore alla somma dei due farmaci presi singolarmente. A livello farmacocinetico, invece, la co-somministrazione della coppia di molecole accelera l'assorbimento del paracetamolo, poiché l'ibuprofene ne facilita il passaggio dallo stomaco all'intestino. I dosaggi dei due principi attivi sono stati studiati in modo da rendere più efficace il nuovo medicinale, limitandone, allo stesso tempo, gli eventi avversi».

In particolare, rispetto alle due molecole assunte separatamente, studi clinici hanno dimostrato un'efficacia nel controllo del dolore superiore del 30%, un aumento della durata dell'effetto analgesico e una maggior velocità di azione. La nuova associazione è un farmaco a prescrizione medica inserito in fascia C su ricetta ripetibile, approvata per il trattamento temporaneo del dolore associato a cefalea, emicrania, mal di schiena, dolori mestruali, mal di denti, dolori muscolari, sintomi influenzali e da raffreddamento, mal di gola e febbre.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO