farmaci

lug262016

Farmaci antidiabetici, nessuna differenza significativa nel rischio mortalità cardiovascolare

Farmaci antidiabetici, nessuna differenza significativa nel rischio mortalità cardiovascolare
In una coorte di quasi 120.000 adulti con diabete di tipo 2 non sono emerse differenze significative nell'associazione tra una delle 9 classi disponibili di ipoglicemizzanti e rischio di mortalità cardiovascolare o per tutte le cause, secondo uno studio appena pubblicato su Jama. «La modifica dello stile di vita e il trattamento ipoglicemizzante sono il cardine della terapia per prevenire e ritardare le complicanze legate al diabete» scrivono gli autori dell'articolo, ricordando che attualmente un gran numero di classi di ipoglicemizzanti è stato approvato per il trattamento del diabete di tipo 2. Ma soprattutto a causa della casistica insufficiente non è stato finora possibile stabilire il ruolo dei diversi farmaci nella prevenzione della morte cardiovascolare.

Tant'è che Giovanni Strippoli dell'Università degli Studi di Bari e colleghi hanno condotto una revisione sistematica con metanalisi per valutare efficacia e sicurezza dei farmaci antidiabetici, insulina compresa. Allo scopo i ricercatori hanno identificato oltre 300 studi clinici, di cui 177 (56.598 pazienti) riguardavano farmaci somministrati in monoterapia; 109 (53.030 pazienti) erano su farmaci associati alla metformina (duplice terapia) e 29 (10.598 pazienti) su composti associati a metformina e sulfoniluree (triplice terapia). Ma a conti fatti gli autori non hanno scoperto alcuna associazione significativa tra qualsiasi classe di farmaci in mono, duplice o triplice terapia e tassi di mortalità cardiovascolare o per tutte le cause.

«La metformina si associa a scarse o nulle differenze nei livelli di HbA rispetto ad altre classi di farmaci, e tutti sono efficaci quando aggiunti alla metformina. Risultati che confermano le raccomandazioni dell'American Diabetes Association per l'utilizzo in monoterapia della metformina come trattamento iniziale per i pazienti con diabete di tipo 2 e la successiva selezione di terapie complementari in base all'andamento della malattia nel singolo paziente» concludono i ricercatori.

Jama. 2016. doi: 10.1001/jama.2016.9400
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO