Sanità

lug192018

Farmaci in vacanza, come consigliare i pazienti per un corretto kit

Farmaci in vacanza, come consigliare i pazienti per un corretto kit
Un'estate al mare? O meglio sognare California? L'importante è che per ogni meta ci sia il farmaco giusto. E come ogni anno, a raccogliere i consigli da girare ai pazienti ci pensa il vademecum di Assosalute, l'Associazione nazionale dei farmaci di automedicazione, "La salute in viaggio.

Le regole per non farsi cogliere impreparati (in Italia e all'estero). Già perché nel preparare «un kit di medicinali utili ad affrontare qualche piccolo contrattempo di salute» occorre «tenere conto del tipo di vacanza programmata», se al mare, in montagna, o, ancora di più, se la meta è all'estero. E allora cosa mettere in valigia? Se si va oltre frontiera «è opportuno portare quei farmaci che si usano abitualmente, specie quelli prescritti dal medico, oppure informarsi sul nome del principio attivo di quelli abituali per qualche malanno occasionale - come febbre, mal di gola o mal di testa - per trovare un medicinale analogo anche oltre confine, con l'aiuto del farmacista». Ma occorre fare attenzione: «all'estero, alcuni farmaci, con e senza ricetta, dispensati regolarmente nel nostro Paese, sono considerati illegali o possono essere introdotti solo in casi specifici. Occorre controllare, quindi, eventuali restrizioni, e chiedere al medico per verificare se qualcuna delle medicine prescritte fa parte di qualche gruppo speciale e se è possibile portarle seguendo particolari procedure o ottenendo particolari autorizzazioni».

Per il mare e la montagna, l'attenzione va in primo luogo al sole: occorre portare quindi «occhiali da sole e qualcosa per proteggere la testa, una crema solare, adeguatamente scelta sulla base del fototipo». Ci sono poi altri rischi ai quali si può dirigere il consiglio per preparare il kit: slogature, ematomi, punture di api o di insetti, o anche sbalzi termici. Ma fondamentale è «conservare i farmaci nel modo corretto, evitando forti sbalzi di temperatura e di conservarli in un posto umido, tenendoli lontani dalla portata dei bambini».

Quali farmaci non devono mancare nella valigia delle vacanze?

· Cadute: disinfettanti, garze sterili, ghiaccio secco e cerotti per escoriazioni, ferite, strappi e distorsioni. Possono essere utili anche medicinali antinfiammatori per ridurre l'eventuale gonfiore e alleviare il dolore, oltre a farmaci ad azione cicatrizzante.

· Irritazioni cutanee, punture di insetti e dermatiti da contatto: l'utilizzo di farmaci a uso topico a base di antistaminici oppure corticosteroidi a bassa potenza e anestetici locali rappresenta il trattamento sintomatico di sicura efficacia contro l'infiammazione cutanea e il prurito causati da punture di insetti, dermatiti e irritazioni dell'epidermide.

· Nausea e vomito: gli antiemetici sono indicati in tutte le forme di cinetosi (mal d'auto, mal di mare e mal d'aria).

· Scottature solari: sostanze emollienti e medicinali ad azione antisettica, antipruriginosa e rigenerativa contro il prurito, il bruciore e la secchezza; farmaci antinfiammatori per l'eventuale comparsa di eritema.

· Mal di pancia e diarrea: farmaci antispastici che aiutano a regolarizzare la motilità intestinale calmando gli spasmi, farmaci antidiarroici e microrganismi antidiarroici in grado di ripristinare in tempi rapidi la normale popolazione batterica intestinale.

· Stitichezza e gonfiore addominale: lassativi e adsorbenti intestinali in grado di contrastare aerofagia e meteorismo.

· Cattiva digestione, acidità e bruciore di stomaco: farmaci procinetici che favoriscono il transito intestinale, antiacidi e anti-secretori contro acidità e reflusso gastrico.

· Mal di gola e raffreddore: farmaci ad azione balsamica, antisettici del cavo orale, decongestionanti nasali e antinfiammatori non steroidei.

· Febbre: nell'ipotesi di temperatura superiore ai 38°, è importante avere in valigia un farmaco antipiretico in grado di abbassarla.

· Contratture, torcicollo e dolori muscolari: antinfiammatori non steroidei e miorilassanti muscolari.

· Insonnia: i sedativi leggeri a base di sostanze vegetali come valeriana e passiflora possono essere un utile alleato contro i disturbi del sonno o il jet lag.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO