Sanità

apr182019

Farmaci Otc, in Francia prezzi più alti in 10 anni da autorizzazione a libero accesso

Farmaci Otc, in Francia prezzi più alti in 10 anni da autorizzazione a libero accesso

Farmaci Otc, in Francia il prezzo dei farmaci a libero accesso è cresciuto del 9% in 10 anni, complici un'informazione poco trasparente e i nuovi canali di vendita

Un aumento del 25% nel prezzo di alcuni sciroppi a base di ibuprofene, del 19% nel costo di alcune pastiglie per la gola a base di alcol diclorobenzilico e del 12% per alcuni antiacidi; un aumento generale del 9% nel prezzo dei farmaci Otc di più comune utilizzo, sui quali sono gravati poi due incrementi della Tassa sul Valore Aggiunto (Tva), uno nel 2012 (dal 5% al 7%), l'altro nel 2014 (dal 7% al 10%). Questi i dati divulgati dall'associazione dei consumatori francese Familles Rurales, frutto di uno studio sul prezzo annuale dei farmaci.
Come riportato dalla stampa d'oltralpe, a partire dal 2008, anno di approvazione del provvedimento che permette il libero accesso ad alcune categorie di farmaci, il prezzo medio degli Otc maggiormente utilizzati è salito del 9%, come testimoniato dall'osservatorio sul prezzo dei farmaci 2018, che si è avvalso delle rilevazioni di 34 volontari che si sono occupati, da settembre a ottobre, di raccogliere i prezzi di 14 prodotti frequentemente utilizzati (12 medicamenti e 2 specialità non medicamentose) in 84 farmacie o siti internet sparsi su 37 dipartimenti.
La misura approvata nel 2008 nasceva con l'intento diametralmente opposto, ossia quello di favorire il risparmio tramite lo sfruttamento della concorrenza: più di 200 farmaci sottoposti a libero accesso, tra i quali paracetamolo, trattamenti contro il fumo, lenitivi per raffreddori e mal di gola, diarrea e disturbi dermatologici. L'elenco dei medicinali era stato accompagnato dalle rassicurazioni dell'allora ministro della Sanità Bachelot: «Quando un prodotto è venduto al di là del bancone, si possono facilmente comparare i prezzi. Si tratta di creare un clima di concorrenza che sappiamo farà abbassare i prezzi».
Una misura i cui risultati testimoniano ora come il governo non sia riuscito a "offrire prezzi pubblici competitivi e migliorare il potere d'acquisto dei cittadini", come si legge nel comunicato di Familles Rurales.
Oltre a puntare il dito contro la "disintegrazione" dell'informazione verso i consumatori, con prezzi illeggibili o non reperibili (il 75% delle confezioni presenta etichetta danneggiata o assente, il 50% è posizionato dietro al bancone), l'associazione sottolinea come l'apertura della vendita degli Otc tramite canali online nel 2013 abbia contribuito alla mancata uniformazione dei prezzi e a un clima di generale abbandono del cliente, in balia delle sirene pubblicitarie e privato dei consigli e delle avvertenze che solo un farmacista in carne e ossa può fornire.
La richiesta ai farmacisti francesi è quella di offrire maggior assistenza e maggior chiarezza in merito ai prezzi, mentre l'appello alle autorità pubbliche è quello di provvedere con sanzioni verso "i siti che consapevolmente mettono in pericolo la vita di alcuni pazienti" e di procedere alla sensibilizzazione sull'importanza della concorrenza e della corretta informazione sui medicinali. "L'associazione Familles Rurales ricorda che i farmaci non sono prodotti di uso comune. In tal senso, i consumatori non dovrebbero cedere alle lusinghe di pubblicità sempre più aggressive in questo settore, ma fare riferimento al parere dei farmacisti, che sono operatori della sanità".
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO