Sanità

nov132019

Farmacia servizi, in Puglia delibera avvia sperimentazione. Farmacisti: pronti ad assumerci responsabilità

Farmacia servizi, in Puglia delibera avvia sperimentazione. Farmacisti: pronti ad assumerci responsabilità

Con una delibera la Puglia avvia formalmente il percorso per garantire l'accesso ai fondi stanziati per la sperimentazione della Farmacia dei Servizi

Con una delibera approvata dalla Giunta regionale, in Puglia si avvia formalmente il percorso per garantire l'accesso ai fondi stanziati dal Governo e per la definizione del cronoprogramma della sperimentazione della Farmacia dei Servizi. Lo ha comunicato la Regione con una nota ufficiale in cui presidente della Regione Michele Emiliano commenta così il passaggio normativo: «La delibera approvata consentirà, anche grazie al supporto qualificato degli Ordini provinciali dei farmacisti, di avvalerci delle competenze professionali dei farmacisti nell'ambito della programmazione strategica del servizio sanitario regionale, in modo tale da qualificare sempre di più l'offerta di nuovi servizi sociosanitari ed essere maggiormente vicini alle esigenze di tutti gli assistiti». Le linee di indirizzo nazionali, lo si ricorda, individuano tre macro-aree di riferimento per l'espletamento dei nuovi servizi suddivisi in: servizi cognitivi, servizi di front-office e analisi di prima istanza e telemedicina.
La Regione, inoltre, sottolinea che "proprio sulla base del lavoro già fatto con le farmacie pugliesi, sono stati avviati in Puglia progetti per la erogazione in farmacia di servizi aggiuntivi alla vendita dei farmaci, tra cui il rilascio delle attestazioni relative agli obblighi vaccinali, le attività correlate alla campagna di screening per il colon retto, il progetto di aderenza terapeutica per pazienti affetti da patologia asmatica ed il supporto alla campagna vaccinale antinfluenzale".

I servizi attivati in Puglia

La nota spiega che, sulla base dei lavori avviati dalla Commissione Regionale per la Farmacia dei Servizi, di cui fanno parte anche referenti delle Associazioni di categoria delle Farmacie pubbliche e private convenzionate ed i rappresentanti degli Ordini professionali dei Farmacisti, è stato deciso di sperimentare i servizi indicati nelle linee guida, e se necessario, avviare singoli progetti pilota in ambito provinciale anche sulla base di valutazioni di tipo epidemiologico con particolare riferimento ai servizi cognitivi di riconciliazione della terapia farmacologica e di monitoraggio dell'aderenza. Tra i servizi di font-office sono stati individuati i servizi relativi all'attivazione e consultazione del fascicolo sanitario elettronico su base regionale, al fine di assicurare la massima diffusione di tale strumento finalizzato a migliorare la presa in carico degli assistiti e l'interoperabilità tra i diversi professionisti della salute. Inoltre, per quanto riguarda i servizi di telemedicina si è convenuto di individuare nel cronoprogramma delle attività specifici settori di sperimentazione anche sulla base delle infrastrutture tecnologiche già disponibili in Regione Puglia, come nel caso della telecardiologia.

«Il grande e intenso lavoro di stretta collaborazione tra la Regione, le Aziende Sanitarie Locali e le circa 1.250 farmacie pubbliche e private convenzionate, continua a dare ottimi risultati - commenta ancora Emiliano - La Regione Puglia è infatti tra le prime nove regioni italiane, coinvolte nella sperimentazione per l'individuazione dei nuovi servizi erogati dalle farmacie nell'ambito del Servizio Sanitario Nazionale, a ricevere il finanziamento dal Fondo Sanitario nazionale. Alla Regione Puglia Il finanziamento è di oltre 3 milioni di euro. Noi abbiamo sempre considerato le farmacie a pieno titolo come presidi sociosanitari polivalenti della rete territoriale di assistenza, a garanzia della fruibilità dei livelli essenziali di assistenza anche alle luce della loro capillare diffusione».

I farmacisti: una grande responsabilità che ci assumiamo

«La presenza della nostra Regione tra le nove che sperimenteranno le nuove funzioni del farmacista nella farmacia di comunità, è una grande responsabilità, perché dall'esito di questo test dipende realmente l'evoluzione dell'assistenza sul territorio a livello nazionale, soprattutto in riferimento ai temi della cronicità e della prevenzione - ha commentato il Senatore Luigi D'Ambrosio Lettieri, Vicepresidente della FOFI e presidente dell'Ordine interprovinciale dei Farmacisti di Bari e BAT. - E questa responsabilità è ben presente tanto ai farmacisti pugliesi quanto alla Giunta Regionale che sa bene con quanta efficacia e responsabilità la farmacia abbia risposto anche alle recenti emergenze sanitarie. La stretta e proficua collaborazione instaurata con la struttura assessorile dovrà proseguire con rinnovato reciproco impegno anche per raggiungere un concreto riconoscimento economico per il ruolo svolto dai farmacisti in farmacia al servizio della comunità».

«L'attività sperimentale, che durerà fino al 2021, parte all'insegna della massima sinergia tra gli Ordini Provinciali dei Farmacisti e l'Associazione dei titolari di farmacia, innanzitutto per garantire il coinvolgimento di tutti i professionisti che operano nella rete delle farmacie pugliesi» tengono a sottolineare Domenico di Tolla, Delegato regionale della Fofi e presidente dell'Ordine di Lecce, Francesco Settembrini, presidente della Consulta Regionale e dell'Ordine di Taranto. «I farmacisti pugliesi sono alla partenza di un percorso fondamentale» ha affermato Vito Michele Domenico Novielli, presidente di Federfarma Puglia - per portare a un livello ancora più alto il ruolo assistenziale della farmacia di comunità, da sempre votata al servizio al cittadino e sono certo che il loro sarà un contributo importante al raggiungimento di questo obiettivo».
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO