Sanità

lug262019

Farmacia servizi in Toscana, da Assessore e Asl disponibilità a provvedimenti attuativi

Farmacia servizi in Toscana, da Assessore e Asl disponibilità a provvedimenti attuativi

Farmacia dei servizi, in Toscana piena disponibilità dalla Regione e dalle Asl a procedere alla piena attuazione del progetto di riforma

La Toscana non è tra le 9 Regioni a cui è destinato il finanziamento per la sperimentazione della Farmacia dei servizi, ma l'Assessore alla Sanità, Stefania Saccardi, e il Direttore Generale Asl Toscana sud-est, Antonio D'Urso, hanno dato la piena "disponibilità concreta a dare atto ai procedimenti necessari per la piena attuazione nel più breve tempo possibile al progetto di riforma" presentato da Federfarma Arezzo che prevede la trasformazione della Farmacia in un vero e proprio presidio di prossimità della filiera sanitaria. È stata questa il riscontro positivo delle istituzioni sanitarie regionali raccolte in occasione del convegno "Realizzare la Farmacia dei Servizi: Presidio territoriale sociosanitario del Ssr e Ssn" che si è svolto il 17 luglio ad Arezzo, organizzato da Federfarma Arezzo in partnership con Federfarma Toscana.

No a concorrenza con la distribuzione diretta

Nel suo intervento, il presidente provinciale dei titolari, Roberto Giotti, ha lanciato il suo appello con l'intento di «proporre e richiedere urgentemente un effettivo formale riconoscimento e recepimento deliberativo del "Concetto della Farmacia dei Servizi", con propri atti deliberativi e legislativi regionali e aziendali e conseguente e pronta e concreta attuazione della stessa con relativa integrata regolamentazione regionale nel suo complesso». Ed è con soddisfazione, si legge in una nota, che è stata accolta la piena disponibilità dell'Assessore regionale e del Dg Asl Toscana sud-est, per i quali "è decisivo trasformare le Farmacie in Centri di servizi fondamentali a favore di Assistiti e Pazienti soprattutto malati cronici e residenti in zone interne disagiate dove spesso la Farmacia è l'unico Presidio Socio - Sanitario di riferimento (in servizio 365giorni/anno. H24) fornendo anche un importante risparmio economico per il Servizio Sanitario Regionale". Questo si traduce, nell'invito rivolto da Giotti agli interlocutori, «a considerare e valutare la Farmacia non più come solo "presidio di spesa farmaceutica" continuando a fargli "concorrenza" con la distribuzione diretta, ma anche e soprattutto come presidio di investimento e notevole risparmio per il servizio sanitario al netto dell'eventuale aumento della relativa spesa farmaceutica. La realizzazione della farmacia dei servizi in tempi brevi sarà e costituirà nei prossimi anni un forte elemento "discriminante" di futura positiva valutazione sia professionale per la farmacia e i farmacisti, sia di notevole risparmio economico-finanziario e soprattutto con indubbio miglioramento qualitativo e quantitativo dell'assistenza e del servizio farmaceutico a favore degli assistiti/pazienti soprattutto malati cronici e residenti in zone interne e disagiate».

I servizi oltre la dispensazione farmaci e integrativa

«La Farmacia - ha aggiunto Giotti - a breve non sarà più solo un partner insostituibile del Servizio Sanitario per la dispensazione di tutti i farmaci, ma farà assumere sempre più al farmacista in farmacia il ruolo di professionista sanitario sul territorio, vero e proprio presidio di prossimità della filiera sanitaria». Durante i lavori è stato sottolineato come la Farmacia territoriale dei servizi integrata nelle Reti cliniche territoriali, dispensatrice di tutti i farmaci Ssn, Dpc/Ssr, erogatrice dell'Assistenza integrativa, debba poter effettuare anche altri importanti servizi di prossimità.
In particolare:
- Servizi di front-office quali prenotazioni Cup, attivazione Tse, riscossioni Ticket, consegna referti, ed in definitiva punto di ascolto e punto unico di accesso al Ssr.
- Servizi di prevenzione e controllo quali Autoanalisi di prima istanza sangue-urine e tramite applicazione di dispositivi strumentali di Telemedicina (Ecg, Holter Pressorio, Holter Cardiaco, Spirometria) con refertazione del Medico Cardiologo.
- Servizi cognitivi quali la presa in carico, in collaborazione con i Mmg di Assistiti anziani, fragili e/o con malattie croniche, politrattati per il relativo monitoraggio terapeutico, per la farmacovigilanza e per l'aumento dell'aderenza terapeutica (Studio Adhere ed altri: Patologia Cardiovascolare, Bpco, Diabete ecc...).
- Servizi di Assistenza Farmaceutica Domiciliare con consegna gratuita dei farmaci a domicilio ad Assistiti /Pazienti che non possono recarsi in Farmacia per disabilità o gravi malattie e/o ricoverati presso Strutture Sociali e Protette (Adi, Rsa, Adp).
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO