Sanità

lug72016

Farmacie e Ddl concorrenza, i pareri dalla Commissione Bilancio

Farmacie e Ddl concorrenza, i pareri dalla Commissione Bilancio
Nessuna approvazione dei sub emendamenti di Si-Sel relativi alla liberalizzazione dei farmaci di fascia C. La voce iniziata a circolare in mattinata sulla possibilità, riguarda, più banalmente, la loro ammissibilità visto che la Commissione Bilancio chiamata ad esprimere il suo parere sul testo ha dato parere non ostativo sull'emendamento 48.100, quello che vieta alle catene di controllare più del 20% delle farmacie presenti in ogni regione, e sui relativi subemendamenti, tra i quali quello relativo ad introdurre la possibilità per le parafarmacie di vendere anche i farmaci di fascia C. Emendamento e sub emendamenti in questioni non hanno oneri per le finanze pubbliche, da qui l'ok della commissione bilancio. Sarà ora la Commissione Industria, che, nel frattempo, ha sconvocato la seduta di giovedì pomeriggio e si è limitata a prendere atto nella mattinata dei pareri della Bilancio, a votare sugli emendamenti la prossima settimana.

Luce verde anche per l'emendamento 48.79, che prevede un innalzamento delle soglie di fatturato in regime convenzionato delle farmacie sussidiate e rurali che fanno scattare le agevolazioni sullo sconto Ssn, il parere non ostativo è condizionato alla previsione della decorrenza dal 2017, anziché dal 2016, del meccanismo previsto dalla medesima proposta per fronteggiare i maggiori oneri derivanti dalla modifica delle soglie di fatturato e dall'inserimento di un ulteriore comma che prevede l'incremento di 9.206.178,29 euro del livello del finanziamento del Ssn cui concorre ordinariamente lo Stato. Proprio la Commissione Bilancio ha deciso di dare disco rosso sulla base dell'articolo 81 della Costituzione o sospendere il parere sulla maggior parte degli emendamenti presentati dagli stessi relatori al Ddl sulla concorrenza in commissione Industria, determinando un ulteriore rinvio dell'approdo in aula al 19 luglio e non più la settimana prossima come auspicato. «Il Ddl concorrenza deve essere approvato entro l'estate, in modo da poter avviare l'iter di un nuovo provvedimento che dia continuità all'azione liberalizzatrice del Governo» ha detto il sottosegretario allo Sviluppo economico Antonio Gentile cercando di arginare le polemiche dopo l'ennesimo rinvio dell'esame del Ddl. «La commissione Industria ha votato gran parte del provvedimento e confido che la settimana prossima concluderà i lavori, per trasmettere il testo all'Aula» ha concluso Gentile.


Marco Malagutti
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO