farmaci

gen202012

Farmaco antiepatite interferisce con contraccezione ormonale

Il trattamento con telaprevir, inibitore della proteasi dell'Hcv, può ridurre del 26-33% l'efficacia di un contraccettivo orale contenente etinilestradiolo. L'interazione tra le due molecole è emersa da un lavoro pubblicato sul Journal of Clinical Pharmacology: che ha studiato l'effetto di telaprevir sulla farmacocinetica di etinilestradiolo e noretindrone, in 24 donne sane, in trattamento con contraccettivi orali contenenti etinilestradiolo e noretindrone da almeno 3 mesi. Lo studio ha valutato due cicli, uno di solo contraccettivi orali per 21 giorni, seguiti da assenza di contraccettivi per 7 giorni, e un altro di contraccettivi orali più telaprevir per 21 giorni, seguiti dal solo telaprevir per 7 giorni. A differenza dell’etinelestradiolo, telaprevir e noretindrone non hanno risentito della cosomminstrazione. Pertanto, in caso di somministrazione di telaprevir, e fino a 2 settimane dopo la cessazione della terapia, occorre ricorrere a metodi contraccettivi alternativi non ormonali.

J Clin Pharmacol, 2011 Oct 30. [Epub ahead of print]


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>

SUL BANCO