Sanità

mar222019

Farmacopea, riapre Tavolo: sul tappeto norme buona preparazione e radiofarmaci

Farmacopea, riapre Tavolo: sul tappeto norme buona preparazione e radiofarmaci
È in ripartenza il processo di aggiornamento della Farmacopea. Dopo i lavori all'interno del tavolo istituito dall'allora ministra della salute Beatrice Lorenzin e decaduto a giugno 2018, che avevano portato a una serie di modifiche contenute in alcuni decreti (l'ultimo di agosto), il Tavolo di lavoro si ricostituisce. A riferirlo Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona, tra i rappresentanti di Federfarma al tavolo, riconfermato insieme ad Andrea Cicconetti segretario di Federfarma Roma, che fa anche un punto sulle tematiche rimaste aperte: «I lavori erano stati intensi e avevano affrontato diversi argomenti. Su molti è stato possibile arrivare a un risultato finito, scaturito nei decreti ministeriali che si sono susseguiti da maggio fino ad agosto dell'anno scorso, ma per alcune tematiche più complesse, tra cui radiofarmaci e norme di buona preparazione, non era stato possibile tirare le fila del lavoro fatto fino ad allora entro la decadenza del tavolo. Il tavolo, che aveva coinvolto tutta la filiera, avrebbe dovuto essere prorogato proprio nel momento in cui c'è stato l'avvicendamento con l'attuale Ministra Giulia Grillo». Dopo un periodo di attesa, «il mese scorso, abbiamo avuto nuovi contatti da parte del Dicastero. Segno, questo, che ci si sta preparando a far ripartire il confronto. Ancora non è possibile prevedere una data, ma ci aspettiamo che nell'arco di non molto tempo potrà essere convocato. È nostra intenzione anche prestare attenzione e spingere per la richiesta che avevamo fatto a suo tempo di rendere permanente l'aggiornamento sulla Farmacopea. Una ipotesi che già in chiusura della precedente esperienza era stata considerata positivamente».
Quanto alle tematiche che potrebbero essere al centro della nuova discussione, «come dicevo, sicuramente ci saranno le monografie sui radiofarmaci e tutte le norme di buona preparazione. Tematiche che erano state affrontate in sottogruppi e su cui il confronto era già a buon punto: ora occorrerà riprendere le fila di quanto fatto e lavorare su un punto di incontro tra tutti coloro che saranno presenti».

Intanto, di recente sono stati recepiti alcuni aggiornamenti della Farmacopea europea 9° edizione, con il Decreto del Ministero della salute del 15.2.2019 (GU n. 54 del 5.3.2019). Le disposizioni derivano da alcune risoluzioni del Consiglio d'Europa, European Committee on Pharmaceuticals and Pharmaceutical Care. Con le prime (AP-CPH (17)4), adottata il 23 marzo 2017 «è stata decisa l'entrata in vigore dal 1° gennaio 2019 del Supplemento 9.6 della Farmacopea europea 9a edizione» e del supplemento 9.5 dal luglio 2018. Dal Ministero viene quindi disposta «l'entrata in vigore dei testi dei capitoli generali e delle monografie nelle lingue inglese e francese pubblicati in questo supplementi» «come facenti parte della F.U. della Repubblica Italiana» anche se, chiarisce, «non eÌ obbligatorio detenerne copia in farmacia. I testi sono posti a disposizione di qualsiasi interessato per consultazione e chiarimenti presso la Segreteria tecnica della Commissione permanente per la revisione e la pubblicazione della F.U». Con la seconda risoluzione (AP-CPH (17)5), adottata il 19 febbraio 2018, «è stata decisa l'eliminazione dal 1° gennaio 2019 del capitolo generale Tossicità anormale (2.6.9) e delle monografie Fitomenadione (1036), Emetina cloridrato pentaidrato (0081), Desossicortone acetato (0322)».

Francesca Giani
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO