Sanità

nov282017

Farmacopea ufficiale, avviato aggiornamento di elenchi e tabelle

Farmacopea ufficiale, avviato aggiornamento di elenchi e tabelle
L'aggiornamento dell'elenco delle sostanze che è obbligatorio detenere in farmacia, in cui al momento sono presenti farmaci non più reperibili sul mercato o la cui utilità in farmacia è venuta meno, è solo un esempio di ciò che verrà aggiornato nel processo di revisione della Farmacopea Ufficiale italiana avviato con la recente istituzione di un tavolo tecnico, da parte del ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

A sottolinearlo è, il senatore Andrea Mandelli presidente della Federazione Ordini Farmacisti Italiani, che aveva "da tempo e a più riprese fatto presente come il mancato aggiornamento di questo strumento indispensabile per il professionista fosse all'origine di diverse criticità". Criticità che nascono, precisa Mandelli, «non soltanto perché dall'ultima edizione, la XII del 2010, si sono registrati cambiamenti significativi dal punto di vista scientifico, ma anche per aspetti che incidono direttamente sull'attività quotidiana nella farmacia di comunità». Ne sono un esempio la lista delle sostanze obbligatorie, come nel caso dello sciroppo di ipecacuana, un emetico usato in caso di avvelenamento, «è evidente che se si verifica un incidente di questo tipo si deve ricorrere al pronto soccorso e non al farmacista», ma anche le diverse tabelle, nonché le Norme di buona pratica per le preparazioni galeniche. «Considerazioni analoghe valgono anche per le strumentazioni obbligatorie - precisa ancora Mandelli - Ma oltre all'aggiornamento dei contenuti sarebbe opportuno anche provvedere alla digitalizzazione del testo. Ormai il supporto cartaceo risulta troppo oneroso per tempi e costi di realizzazione, tanto che l'ultima edizione era ormai da tempo irreperibile e le farmacie di nuova istituzione si trovavano nell'impossibilità di dotarsene, contravvenendo quindi all'obbligo di legge».

L'iniziativa è stata accolta con grande soddisfazione anche da Federfarma: "dopo la recente modifica della Tariffa Nazionale, un altro risultato importante, un obiettivo raggiunto, frutto della collaborazione sinergica tra le varie componenti della farmacia". Federfarma, insieme a Fofi, si legge in una nota, ha raccolto le istanze dei colleghi e segnalato la necessità di aggiornamento della Farmacopea alla luce dei grandi cambiamenti intervenuti in questi anni nella farmacologia: «Inutile e dannoso continuare a definire "obbligatori" farmaci ormai non più utilizzati, o sostituiti da altre molecole, come anche, al contrario, il fatto che non siano ancora inclusi nella Farmacopea medicinali attualmente considerati importanti e ovviamente non presenti nell'Edizione del 2010, quella attualmente in vigore» scrive il sindacato in una nota in cui invia il proprio ringraziamento al ministro Lorenzin.

Dalla Fofi, arriva il plauso al Ministro Lorenzin per aver nominato la commissione ministeriale che avvierà il processo a cominciare a una proposta di aggiornamento che il tavolo andrà a elaborare entro 30 giorni dall'insediamento. Prenderanno parte ai lavori l'Istituto superiore di sanità, l'Aifa, la Fofi, che in sede di presentazione della nuova Tariffa nazionale aveva sollevato la richiesta al ministro, la Società italiana di farmacia ospedaliera, la Sifap, Federchimica, l'Associazione farmaceutici industria, l'Associazione italiana di Medicina nucleare e Imaging molecolare, Assogenerici e la Chemical pharmaceutical generic association. Il Ministero ha fatto sapere che ogni organizzazione potrà nominare a sua volta due rappresentanti per partecipare ai lavori. A rappresentare la Fofi nella Commissione ministeriale sono stati nominati il Segretario Maurizio Pace e il Tesoriere Mario Giaccone. (SZ)
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Ansel - Principi di calcolo farmaceutico
vai al download >>

SUL BANCO