NUTRIZIONE

mar42011

Ferro in gravidanza conserva il peso del nascituro

Le donne che assumono molto ferro durante il primo trimestre di gravidanza hanno maggiori probabilità di partorire bambini di peso maggiore, anche se ancora nei range di normalità. Non ci sono invece evidenze che possa accadere la circostanza opposta: carenza di ferro associata a basso peso alla nascita. I risultati della ricerca, pubblicati sulla rivista Human reproduction, sono stati raccolti su 1.260 donne intervistate sulla loro dieta e sul consumo di integratori del ferro all’inizio della gravidanza. È stato notato che per ogni 10 milligrammi in più al giorno di introito di ferro il peso del bimbo alla nascita aumentava di 34 grammi. Considerando che il limite della normalità del peso è di 2.500 grammi, la media dei bambini pesati era di circa 3.400 grammi e soltanto un bambino ogni 25 era in categorie al di sotto del limite minimo. Inoltre, è emerso un fatto nuovo: le donne intervistate avevano consumato come fonte di ferro molta più verdura che carne, considerando che 15 milligrammi di ferro si trovano in un grosso petto di pollo alla griglia e in 15 tazze di spinaci freschi o mezza tazza di cereali da colazioni arricchiti di ferro. «L’assunzione di ferro influenza le scorte che già ci sono, che vengono maggiormente utilizzate durante la gravidanza» spiega Nisreen Alwan ricercatore della the University of Leeds School of Food Science and Nutrition, tuttavia la maggior parte delle donne in gravidanza inglesi non seguono le raccomandazioni, cioè di assumerne almeno 15 milligrammi al giorno, ma si fermano a circa 11,8 milligrammi.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO