Sanità

mar82011

Fofi risponde ad Anpi, pronti al dialogo

«La proposta di istituire un tavolo di discussione che veda riuniti Federazione degli Ordini, Federfarma e i rappresentanti dei colleghi titolari di parafarmacia è un elemento positivo che viene a inserirsi in un momento cruciale per la professione». È il commento di Maurizio Pace, segretario della Fofi, alla proposta avanzata dall’Anpi (Associazione Nazionale Parafarmacie Italiane) di un tavolo di confronto, dove evidenziare la necessità che l’Ordine assuma un ruolo di terzietà e di garanzia nei confronti di tutte le espressioni della professione. La proposta può essere l’occasione, secondo Pace «per riaffermare alcuni principi fondamentali che sono alla base del ruolo del farmacista, a cominciare dal fatto che siamo tutti professionisti dediti alla tutela della salute e che non esistono farmacisti di serie A e di serie B. Semmai, con l’applicazione della Legge Bersani sono venute a crearsi situazioni in cui il professionista non può esplicare tutte le sue potenzialità. Il danno più grave che può venire dalla liberalizzazione sarebbe proprio la divisione della professione. Il sistema farmaceutico italiano ha invece bisogno di una riforma seria, capace di garantire un’evoluzione consona ai bisogni della società, innanzitutto, ma capace anche di soddisfare le legittime aspettative dei farmacisti».


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Schramm - La farmacia online
vai al download >>

SUL BANCO