Sanità

nov82013

Formazione, a Torino corso e master per perfezionare la professione

firma

Coprire il gap tra formazione accademica ed esigenze della pratica professionale e della gestione dell’impresa farmacia. Questi gli obiettivi del Master in Farmacia territoriale “Chiara Colombo” e del Corso di perfezionamento in Farmacia di comunità, organizzato dall’Università di Torino in collaborazione con l’Ordine dei farmacisti e Federfarma provinciali e regionali, arrivati, rispettivamente, alla quarta e seconda edizione. «Il master» spiega Mario Giaccone, presidente dell’Ordine Torino «raccoglie adesioni da tutte le parti d’Italia e i partecipanti, un centinaio negli ultimi anni, sono un canale di diffusione virale delle idee innovative che vengono elaborate durante il corso. Rappresenta anche un’occasione di rilancio professionale poiché vengono esplorati ambiti non affrontati durante il percorso accademico tradizionale, ma indispensabili per la conduzione della farmacia come impresa, dagli aspetti amministrativi, contabili ed economico finanziari alla gestione dei collaboratori. Parte del corso è dedicato anche agli aspetti della professione orientata alla farmacia dei servizi. Quindi, gestione al banco del cliente dalla dispensazione del farmaco al consiglio e monitoraggio della compliance. Un bagaglio» aggiunge Giaccone «che deve diventare corredo professionale del farmacista per rientrare nel dibattito sulla remunerazione». Il Corso di perfezionamento in Farmacia di comunità, a sua volta, spiega Giaccone, «è pensato per creare un atteggiamento assistenziale, nell’ambito di quattro patologie croniche, il diabete, le dislipidemie, la Bpco e lo scompenso cardiaco, che risponda alle necessità del paziente dalla sua presa in carico al monitoraggio dell'assunzione delle terapie, dalle corrette informazioni sanitarie alla gestione professionale delle autoanalisi, in collaborazione con il medico specialista e di medicina generale e nel rispetto delle rispettive competenze e professionalità». Il Corso ha anche l’obiettivo di creare i contenuti, focalizzati ogni anno su una delle patologie croniche, da trasferire nei percorsi formativi del Progetto Farmacia di comunità avviato in Piemonte. «Quest’anno il progetto parte con lo screening del pre-diabete e il monitoraggio dell’aderenza della terapia» chiarisce Giaccone «e sarà accompagnato da due questionari che permetteranno di quantificare le ricadute economiche sul sistema dell’intervento del farmacista».

Simona Zazzetta


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi