Sanità

ott252013

Francia: tagli sui generici mettono a rischio 20.000 posti di lavoro in farmacia

Francia bandiera

Da martedì i deputati francesi stanno discutendo il progetto di legge di finanziamento della sicurezza sociale (Plfss) per il 2014, senza però che l’articolo 40, relativo agli sconti sui generici sia stato modificato dalla commissione Affari sociali dell’Assemblea nazionale. Un grave errore secondo l’Union des syndicats de pharmaciens d’officine (Uspo), che mette a rischio 20.000 posti di lavoro in farmacia. «Con il pretesto della trasparenza l’articolo 40, senza alcuna revisione del tetto di sconto e quindi senza concorrenza tra le aziende, scaricherà le conseguenze del ribasso dei prezzi dei generici unicamente sulla rete delle farmacie» ha detto Gilles Bonnefond, presidente Uspo «questo articolo rischia di mettere in pericolo l’insieme dei contratti di cooperazione che mantengono in media almeno un posto di lavoro per farmacia». La questione contro cui l’unione sindacale era già insorta non si limita a un semplice taglio dei prezzi: l’articolo in discussione, infatti, impone ai produttori di generici di dichiarare tutti i vantaggi commerciali e finanziari concessi ai farmacisti. Il ministro della Salute francese, Marisol Touraine, ha ribadito di recente la sua intenzione di rendere «chiari e trasparenti» i dati degli accordi di cooperazione commerciale che legano industriali e farmacie. «Le industrie di medicinali generici dovranno essere più trasparenti sui prezzi che praticano e sulle relazioni che intrattengono con le farmacie» ha dichiarato Touraine ai microfoni di France Info dal momento che, secondo lei, «i farmaci generici in Francia restano più cari che nei paesi vicini, non è strano quindi voler abbassare progressivamente questi prezzi». A conti fatti, secondo il Ministro, la trasparenza sugli sconti permetterà all’assicurazione malattia di individuare il prezzo al quale sono realmente fatturati i generici, e quindi potrà rinegoziare al ribasso le tariffe di questi farmaci. Generici meno cari significa rimborsi meno elevati per l’assicurazione, e da questo circolo virtuoso Touraine si aspetta un risparmio di 15 milioni di euro nel 2015, 30 milioni nel 2016 e 45 milioni nel 2017. Resta ora da vedere se, e come, il Parlamento intende recepire le proteste sindacali dei farmacisti. (E.L.)


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO