farmaci

nov32014

Fratture nei bambini: meglio calmare il dolore con ibuprofene che morfina

Fratture nei bambini: meglio calmare il dolore con ibuprofene che morfina
A parità di efficacia analgesica, l'ibuprofene rappresenta una scelta migliore della morfina nel dolore da frattura ossea dei bambini. Sono queste le conclusioni di uno studio condotto dal team guidato dal dottor Naveen Ponai del London health sciences center dell'Ontario (Canada) sulla gestione del dolore nelle fratture in età pediatrica. Le fratture rappresentano fino a un quarto di tutte le lesioni che coinvolgono i bambini ed i primi due giorni successivi a questo tipo di lesione sono i più dolorosi. Dato che per motivi di sicurezza l'impiego di codeina in questa fascia d'età non è consigliato, le opzioni terapeutiche per la gestione del dolore pediatrico risultano più limitate e il ricorso alla morfina non è raro. Lo studio pubblicato dal Cmaj (Canadian medical association journal) ha coinvolto 134 bambini, di età compresa tra i 5 e i 17 anni, che hanno subito fratture che non hanno richiesto un intervento chirurgico. I bambini sono stati assegnati in modo casuale a ricevere morfina o ibuprofene: entrambi i farmaci hanno contribuito ad alleviare il loro, però i piccoli ai quali è stata somministrata la morfina hanno sperimentato un maggior numero di effetti collaterali, tra cui sonnolenza, nausea e vomito. «Dato che la morfina è stata associata ad effetti molto più negativi, possiamo concludere che l'ibuprofene rimanga una terapia sicura ed efficace per la gestione ambulatoriale del dolore da frattura nei bambini,» hanno concluso gli autori dello studio.

discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO