Sanità

nov62018

Gare per ossigenoterapia, Antitrust avvia istruttoria per comportamenti anticoncorrenziali

Gare per ossigenoterapia, Antitrust avvia istruttoria per comportamenti anticoncorrenziali
L'Antitrust ha deciso di avviare un procedimento istruttorio, da chiudersi entro un anno, per contestare alle aziende fornitrici per il servizio di ossigenoterapia domiciliare in Campania la reiterazione di comportamenti già oggetto di un provvedimento dell'Agcm (n. 26316 21 dicembre 2016) "chiaro indizio circa il persistere di una strategia finalizzata alla spartizione del mercato e all'alterazione dello svolgimento delle dinamiche concorrenziali nell'ambito di gare ad evidenza pubblica". È quanto ha deliberato di recente l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, e reso pubblico nel Bollettino n.41, in seguito alla segnalazione di fine luglio, da parte di Soresa, la centrale acquisti della Regione Campania, di "alcune anomalie registrate nell'affidamento del servizio di ossigenoterapia per la terapia domiciliare della Regione Campania, nell'ambito della procedura di gara indetta dalla stessa società segnalante con determina del 4 giugno 2018".

In particolare, è stato osservato che "le società che hanno presentato le offerte, peraltro con composizioni pressoché analoghe nel raggruppamento temporaneo d'impresa (Rti, ndr.), sono le attuali affidatarie del servizio di ossigenoterapia ad esito della precedente gara, indetta dalla stessa Soresa nel giugno 2014 (gara a cui si riferisce il provvedimento del 21 dicembre 2016) per le stesse aziende sanitarie locali e per i medesimi lotti per i quali avevano presentato offerta"; che "è stata presentata una sola offerta per ogni lotto di gara" e che c'è un "sostanziale coincidenza tra le offerte pervenute nelle due procedure di gara". Le uniche differenze tra le due gare, sottolinea l'Antitrust, riguardano la composizione in Rti in tre lotti, ma "con solo riguardo all'identità delle società mandanti". Ma, secondo l'Agcm la circostanza di avere su ogni lotto una sola offerta presentata dal precedente affidatario del servizio di ossigenoterapia domiciliare "appare costituire un chiaro indizio circa il persistere di una strategia finalizzata alla spartizione del mercato e all'alterazione dello svolgimento delle dinamiche concorrenziali nell'ambito di gare ad evidenza pubblica". Il fatto che le società non si siano "astenute dal porre in essere comportamenti analoghi a quelli oggetto dell'infrazione", stando alla segnalazione pervenuta, rappresenta una violazione del provvedimento n. 26316 ed è alla base della decisione dell'Agcm di avviare procedimento istruttorio per contestare alle società tale inottemperanza, con conclusione entro il 31 ottobre 2019. (SZ)
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO