Sanità

apr242013

GB, Governo: farmacia centrale nel nuovo Nhs. Mandelli: risposta agli scettici

La farmacia di comunità ha un ruolo centrale da interpretare nel nuovo modello di sanità che sarà introdotto con la riforma del servizio sanitario britannico. A sottolinearlo in un intervento nel Parlamento inglese Norman Lamb, ministro della salute britannico. Si aprono «nuove opportunità per le farmacie» ha detto Lamb, enfatizzando il ruolo chiave delle farmacie nella gestione dei pazienti con condizioni croniche. «Una popolazione in crescita, con persone che vivono più a lungo e hanno bisogno di più trattamenti. Il che significa che bisgona reperire ogni possibile risorsa per andare inncontro a queste necessità. Vogliamo vedere fiorire il contributo della farmacia nel futuro, come protagonista della salute della popolazione». Parole che non possono che trovare un eco favorevole tra i farmacisti italiani come conferma il presidente della Fofi Andrea Mandelli. «La presa di posizione del Ministro Lamb mi sembra cristallina» sottolinea Mandelli a Farmacista33 «se si vuole ottimizzare l’assistenza territoriale, in uno scenario che vede prevalere la popolazione anziana in politrattamento, il farmacista di comunità non può che avere un ruolo centrale e la farmacia deve essere un terminale del servizio sanitario. Del resto è una posizione che era evidente anche nelle ultime decisioni prese dal governo britannico, che ha appena rifinanziato una nuova prestazione avanzata della farmacia: il new medicine service. Mi sembra anche una risposta chi ancora ha un atteggiamento scettico sul valore dell’opera che può svolgere il farmacista se solo si creano le condizioni adatte» conclude il presidente della Fofi (M.M.).


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi