Galenica

mar12019

Gel per ultrasuoni, formulato ad hoc

L'ecografia è un'indagine diagnostica che utilizza ultrasuoni con l'interposizione di un apposito gel sulla pelle del paziente

Gel per ultrasuoni, formulato ad hoc
L'ecografia è un sistema di indagine diagnostica medica che utilizza ultrasuoni e si basa sul principio dell'emissione di eco e della trasmissione delle onde ultrasonore.
Gli ultrasuoni utilizzati hanno frequenza superiore ai 20 KHz: frequenze maggiori hanno maggiore potere risolutivo dell'immagine, ma penetrano meno in profondità nel soggetto. Queste onde sono generate da un cristallo che sfrutta l'effetto piezoelettrico, inserito in una sonda mantenuta a diretto contatto con la pelle del paziente con l'interposizione di un apposito gel; la stessa sonda è in grado di raccogliere il segnale di ritorno, che viene opportunamente elaborato da un computer e presentato su un monitor. Il tempo impiegato dall'onda nel percorso di andata, riflessione e ritorno viene fornito al computer, che calcola la profondità da cui è giunta l'eco; questo punto si riferisce ad una superficie di suddivisione tra tessuti.
L'impiego del gel in questo esame è di cruciale importanza, sia perché facilita lo scorrimento della sonda sulla cute, sia perché aumenta la conduttività degli ultrasuoni attraverso il derma. Infatti, l'aria non è un buon conduttore per le onde meccaniche sonore, oppone una certa resistenza che va minimizzata per effettuare un'ecografia con un'immagine chiara e facilmente leggibile.
L'ecografia è considerata un esame di base o di filtro rispetto a tecniche di Imaging più complesse come la risonanza magnetica o l'angiografia.
Può essere utile in certi casi disporre di un gel per ecografia formulato ad hoc.

Esempi formulativi:
Materiali: becher, bacchetta di vetro, piastra riscaldante, pHmetro

Esempio 1
Acqua depurata 91,95g
Miscela di nipagine 0,15g
Sodio cloruro 1,1g
Carbopol 1,2g
NaOH 10% qb a neutralità
In un becher portare l'acqua all'ebollizione, quindi sciogliervi le nipagine. A raffreddamento aggiungere il cloruro di sodio. Aggiungere quindi il carbopol e lasciare riposare per consentire una miglior idratazione. Neutralizzare con NaOH.

Esempio 2
Sodio cloruro 14g
Glicole propilenico 10g
Idrossietilcelluosa 3g
Acqua preservata 1b a 100g
Sciogliere il sodio cloruro nell'acqua preservata, quindi aggiungervi il glicole propilenico. Far cadere a pioggia l'idrossietilcellulosa sulla soluzione sotto costante agitazione. Lasciare idratare per 24 ore, quindi rimescolare per uniformare.

Esempio 3
Carbomer 0,5g
Etanolo 96% 5g
Glicole propilenico 20g
Sodio idrossido 10% qb a pH 7
Acqua depurata qb a 100g
Disperdere il carbomer in acqua preservata, sotto agitazione aggiungere glicole propilenico e alcool. Lasciare riposare 24 ore, quindi aggiungere NaOH fino a neutralità.

Luca Guizzon
Farmacista territoriale esperto di fitoterapia, Farmacia Campedello, Vicenza

Fonti:
Manuale di preparazioni galeniche, Bettiol
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO