Sanità

feb72022

Giornata Raccolta Farmaco, attivi 17 mila farmacisti in tutta Italia con consigli e donazioni

Giornata Raccolta Farmaco, attivi 17 mila farmacisti in tutta Italia con consigli e donazioni

Dall'8 al 14 febbraio torna la Giornata di Raccolta del Farmaco in 5.000 farmacie grazie al sostegno di oltre 17 mila farmacisti e 14 mila volontari


Prende il via l'8 febbraio la 23ma Giornata di Raccolta del Farmaco durerà una settimana in tutta Italia resa possibile, in 5.000 farmacie che aderiscono in tutta Italia grazie al sostegno di oltre 17.000 farmacisti (titolari e non) che oltre a ospitare la Giornata la sostengono con erogazioni liberali. Anche quest'anno, sarà supportata da più di 14.000 volontari, nel rispetto delle norme a tutela della salute di tutti. La GRF si volge con il patrocinio di AIFA e in collaborazione con Cdo Opere Sociali, Federfarma, Fofi, Federchimica Assosalute, Egualia - Industrie Farmaci Accessibili e BFResearch. La GRF è realizzata grazie all'importante contributo incondizionato di IBSA Farmaceutici e Teva Italia e al sostegno di EG Stada Group, DOC Generici, DHL Supply Chain, Bausch&Lomb, Unico - La Farmacia dei Farmacisti S.p.A. e Gruppo Comifar.

Farmacisti di Bari-Bat GRF strumento di solidarietà concreta

Il Covid 19 non ferma neanche quest'anno la solidarietà che diventa, anzi, ancora più necessaria, sottolinea una nota dell'ordine dei farmacisti di Bari-Bat: "Torna nelle farmacie delle province di Bari e Barletta-Andria-Trani che espongono la locandina della #GRF20". «L'iniziativa rappresenta uno strumento di solidarietà concreta per contrastare il crescente disagio economico e sociale che colpisce in misura sempre maggiore i cittadini più fragili specialmente. L'emergenza pandemica non può fermare la solidarietà» commentano Francesco Di Molfetta, delegato territoriale di Fondazione Banco Farmaceutico onlus; Luigi D'Ambrosio Lettieri, presidente dell'Ordine dei farmacisti di Bari e BAT, Francesco Fullone, presidente Federfarma Bari e Michele Pellegrini Calace, presidente Federfarma BAT. Insieme a Sergio Daniotti, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus, i dirigenti pugliesi invitano «chiunque possa permetterselo ad andare in farmacia, magari appositamente, per donare un medicinale a chi è in difficoltà».

Lombardia oltre 1.200 farmacie pronte alla raccolta

Pronte anche oltre 1.200 farmacie della Lombardia: ogni farmacia, spiega una nota dell'associazione lombarda, è associata a un ente, che poi provvederà a consegnare alle persone indigenti i prodotti donati. I farmacisti sapranno, pertanto, consigliare i cittadini su quali medicinali sia più opportuno donare in base al fabbisogno delle diverse Associazioni. «Anche in questo anno particolare, in cui le farmacie stanno dando un importante contributo alla gestione del Covid, sia sul fronte tamponi sia su quello vaccinale, non rinunciamo al nostro impegno a fianco del Banco Farmaceutico», dichiara Annarosa Racca, Presidente di Federfarma Lombardia. «Un sentito ringraziamento va a tutte le farmacie e a tutti i farmacisti lombardi che, ancora una volta, hanno aderito con entusiasmo a questa importante iniziativa sociale. La Lombardia, nella precedente edizione, si è confermata la Regione in cui sono stati raccolti più farmaci. Ci auguriamo di raggiungere lo stesso risultato e, nonostante le difficoltà della pandemia, di riuscire a raccogliere e donare un numero maggiore di medicinali».

Verona: continuano a crescere le adesioni

A far sentire la propria voce per la GRF ci sono anche le 153 farmacie di Verona: durante tutta la settimana sarà possibile acquistare, presso le farmacie veronesi che aderiscono all'iniziativa, farmaci da automedicazione che saranno donati a oltre 20 mila bisognosi assistiti attraverso 20 enti caritativi del territorio, convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico Onlus. In Veneto quest'anno aderiscono all'iniziativa 512 farmacie cui sono abbinati 110 enti che assistono circa 70.000 persone in stato di bisogno. «Le farmacie veronesi che aderiscono alla raccolta solidale continuano a crescere di numero (+ 3% sul 2021) ampliando in questo modo la possibilità di donazione da parte dei cittadini e aumentando inoltre le risorse necessarie per la complessa fase organizzativa grazie al contributo economico di ogni singola farmacia - ha affermato Elena Vecchioni, Presidente di Federfarma Verona -. Invitando quanti più cittadini alla preziosa donazione rendo merito alle farmacie partecipanti che non si sono tirate indietro nemmeno in questo complesso periodo che le vede molto impegnate al servizio della popolazione con un carico professionale aggiuntivo rispetto alla normale routine, nei molti servizi legati alla pandemia».
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi