farmaci

nov172011

Giovanissime temono rapporti a rischio ma non si tutelano

Un’adolescente su due teme gravidanze indesiderate ma la grande maggioranza ignora la contraccezione e non si protegge. È il dato che emerge dall'help line della Società italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo) su 11.000 quesiti, presentato in occasione del convegno nazionale Sigo a Roma. Restare incinta sembrerebbe una questione lasciata al caso: dopo ogni rapporto sessuale una su due (47%) teme una gravidanza indesiderata, solo una su 10 (11%) si preoccupa invece di un'eventuale malattia. Ma continuano a non proteggersi: ben il 37% affronta la prima volta senza alcuna precauzione, un terzo (31%) ignora i metodi contraccettivi e il 20% sceglie il coito interrotto. I ginecologi lanciano quindi una proposta per migliorare il livello di informazione: «Dobbiamo offrire più occasioni di contatto con gli specialisti, vanno aumentati gli spazi giovani» afferma Nicola Surico, presidente Sigo «con grande senso di responsabilità stiamo lavorando per la riconversione delle strutture ginecologiche che effettuano meno di 500 parti l'anno, inadeguate ai bisogni. Con la stessa forza chiediamo alle Istituzioni di destinare parte di queste risorse umane ed economiche a potenziare i servizi per gli adolescenti, in ospedale e sul territorio: meno della metà dei consultori vi dedica alcune ore settimanali». Chi si rivolge all'help line, affermano gli esperti, ha in media 16 anni (ma ben il 14% è under 15), vive al centro-nord ed è spesso smarrita.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>

SUL BANCO