Sanità

giu142012

Gran Bretagna, farmacisti Boots in rotta con la dirigenza

Non accenna a placarsi in Gran Bretagna lo scontro in corso tra i farmacisti della catena Boots e i responsabili della catena stessa. A denunciarlo la Pharmacist Defense Association (Pda) secondo la quale i farmacisti coinvolti nella battaglia legale contro i loro datori di lavoro, per un taglio del 25% sui pagamenti domenicali, avrebbero ricevuto minaccia di licenziamento nel caso di rifiuto dei termini contrattuali proposti. Si tratta dei 19 farmacisti legati all’associazione, ma anche di altri coinvolti nella vicenda pur non avendo fatto azioni legali. I dipendenti, secondo quanto riferisce Pda, sarebbero stati convocati per “informal meeting” dai manager Boots, dove gli è stato comunicato un possibile licenziamento, qualora non firmassero il nuovo contratto che ridimensiona il pagamento dell’orario festivo. «Chi non firma» spiega John Murphy segretario Pda «sarà soggetto a una consultazione di 12 settimane che prelude al licenziamento». Murphy si dice «stupito dell’atteggiamento di Boots» che una volta licenziato il dipendente è disposta a riassumerlo alle nuove condizioni contrattuali. L’azienda, dal canto suo, spiega che sono in corso consultazioni coi farmacisti finalizzate a capire che cosa sia importante per loro. Nella speranza «di raggiungere un accordo sui cambiamenti proposti dal gruppo sui pagamenti nei festivi».


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO