FITOTERAPIA

feb282011

Il controllo dell’appetito riduce la glicemia

Per la gestione del sovrappeso si ricorre spesso all’impiego di supplementi dietetici mirati a favorire l’insorgenza del senso di sazietà, che si accompagna a diminuzione della glicemia e dei livelli di lipidi. Uno studio italiano, condotto da un’equipe dell’università di Pavia e del policlinico di Monza, ha voluto testare la reale efficacia, su questi parametri, di un’integrazione con estratti standardizzati di Phaseolus vulgaris e Cynara scolymus. Per il trial, della durata di 2 mesi, randomizzato, in doppio cieco e controllato verso placebo, i ricercatori hanno reclutato 39 soggetti in sovrappeso, 20 assegnati all’assunzione del fitoterapico e 19 al placebo. L’end point primario era la modifica del senso di sazietà misurata con la scala di Haber; le variazioni nei profili glicemici e lipidici, dei parametri antropometrici e dei punteggi ai test psicodinamici erano gli endpoint secondari. Al termine del periodo di studio si è osservato un netto miglioramento del punteggio medio di Haber solo nel gruppo trattato con l’integratore dietetico. Lo stesso gruppo ha beneficiato anche di una riduzione della glicemia e del punteggio al Tfeq (three factor eating questionnaire) un indice della restrizione dietetica, cui si è aggiunto un calo del Bmi (body mass index) e della suscettibilità al senso di fame, sempre secondo il test Tfeq. Quindi il preparato testato si è dimostrato efficace su tutti gli obiettivi considerati. (E.L.)

Phytother Res. 2011 Feb 10. doi: 10.1002/ptr.3425. [Epub ahead of print]
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21308825


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO