Sanità

lug282017

Il decreto vaccini è legge. Ecco cosa prevede

Il decreto vaccini è legge. Ecco cosa prevede
Il decreto vaccini è legge. La Camera ha, infatti approvato in via definitiva il disegno di legge di conversione con 296 voti a favore, 92 contrari e 15 astenuti. Il provvedimento, già licenziato dal Senato, è quindi legge. Nella notte la Camera aveva confermato la fiducia al Governo con 305 voti a favore, 147 contrari e due astenuti.

Queste le novità contenute nella norma:
Le vaccinazioni obbligatorie per i minori da 0 a 16 anni scendono da dodici a dieci; insieme ad antipneumococco e antirotavirus, meningococco B e C seguono quanto riportato sul calendario vaccinale (decreto Lea). Invece morbillo, parotite, rosolia e varicella restano vaccini obbligatori fino a successiva verifica della copertura "di gregge" del Ministero della Salute che avverrà entro tre anni. Per queste patologie il Ministero nella relazione annuale dovrà riportare le reazioni avverse che l'Aifa segnala per tutti i vaccini. Restano obbligatori fissi antipolio, antidifterica, antitetanica, antiepatite B, anti pertosse e anti-haemophilus influenzae. Per i soggetti che hanno già avuto morbillo e altre malattie infettive per le quali ora si devono vaccinare, si consente alle regioni di approvvigionarsi anche di formulazioni vaccinali monocomponenti o combinate in modo da non contenere l'antigene per la malattia già verificatasi, ma ciò può avvenire "nei limiti delle possibilità del Servizio sanitario nazionale".

Sul fronte delle incombenze per i medici, le vaccinazioni obbligatorie, salvo che per avvenuta immunizzazione "naturale" possono essere omesse o differite solo per specifiche condizioni cliniche che mettono in pericolo la salute, attestate dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta. Da luglio 2017 il ministero della Salute senza nuovi oneri promuove campagne per diffondere tra cittadini e sanitari la cultura della vaccinazione, con la collaborazione di Mmg, pediatri, farmacisti territoriali e consultori. Da parte loro anche operatori sanitari, sociosanitari e scolastici possono presentare una autocertificazione attestante la copertura vaccinale.

Per la scuolaentro il termine di scadenza per l'iscrizione genitori di minori 0-16 anni o tutori per stranieri non accompagnati devono presentare ai dirigenti scolastici documenti comprovanti l'effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie ovvero esonero, omissione o differimento ovvero ancora la richiesta di eseguire il vaccino all'Asl che adempirà entro fine anno scolastico. Si può presentare autocertificazione sostitutiva ma entro il 10 luglio va comunque inviata documentazione Asl con le vaccinazioni effettuate. Con l'anno scolastico 2017-18 (art 5) la stessa documentazione andrà presentata entro ottobre nelle scuole, e sarà sostituibile con autocertificazione ma i documenti comprovanti l'effettuazione dei vaccini vanno presentati a scuola entro il 10 marzo 2018. In quella data, tutti i dati sui vaccinati e non vaccinati andranno spediti alle Asl. Dal 2019 le scadenze saranno ulteriormente ritoccate. Sarà possibile prenotare le inoculazioni al Centro unico di prenotazione Asl anche per effettuarle nelle farmacie.

In caso di inadempienza peri genitori che non vaccinano i figli le sanzioni scendono a 100 euro e cade il riferimento alla perdita della patria potestà. Per asili e scuole dell'infanzia- incluse le private non paritarie - la presentazione della documentazione è requisito di accesso. I minori non vaccinati sono ove possibile inseriti in classi in cui sono presenti solo minori vaccinati o immunizzati, le scuole comunicano alle Asl entro il 31/10 di ogni anno le classi ove vi siano più di 2 minori non vaccinati (art 4). È istituita al Ministero della salute, l'Anagrafe nazionale vaccini, nella quale sono registrati i soggetti vaccinati e da sottoporre a vaccinazione, i soggetti che rischiano se si vaccinano, nonché le dosi e i tempi di somministrazione delle vaccinazioni effettuate e gli eventuali effetti indesiderati (costo 2018 300 mila euro, 10 mila gli anni successivi, art 4 bis). In tema di indennizzi a effetti avversi del vaccino, le disposizioni della legge 210/92, si applicano a tutti i soggetti che, a causa del vaccino obbligatorio abbiano riportato lesioni o infermità dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica.

Mauro Miserendino


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Boiron Roux - Pediatria
vai al download >>

SUL BANCO