FARMACI E DINTORNI

nov232010

Il mal di schiena si cura anche muovendosi

Le prime linee guida italiane per la terapia del mal di schiena acuto e cronico promuovono l’attività fisica e le tecniche di rilassamento e bocciano i supporti lombari, la terapia fisica e la stimolazione elettrica transcutanea. Restano invece in sospeso le valutazioni delle tecniche yoga, i massaggi e l’agopuntura. Il documento è stato presentato in occasione del congresso nazionale della Società italiana di ortopedia e traumatologia (Siot) ed è il risultato di una sintesi di sei diverse linee guida: «Lo scopo del nostro lavoro è stato riassumere in un documento condiviso le fonti più valide per l'approccio al mal di schiena, evidenziando anche i trattamenti per cui esistono ancora valutazioni discordanti» ha spiegato Pietro Bartolozzi, presidente Siot. Gli esperti hanno così inserito nella gestione del disturbo l'attività fisica, le tecniche di rilassamento e manipolazione ma anche la terapia cognitivo-comportamentale che può eliminare la paura di muoversi, e un approccio multidisciplinare. È stata anche confermata l'utilità di farmaci miorilassanti e antidolorifici. Sono invece sconsigliate le terapie invasive, come il blocco nervoso locale, le radiofrequenze, l'iniezione di tossina botulinica o di steroidi. Giudizio sospeso su yoga, massaggio e agopuntura ma anche  su uso di farmaci antidepressivi od oppiacei e, nel caso del mal di schiena cronico, ricorso all'intervento chirurgico.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO