Sanità

nov292013

Innovativi in farmacia. Novellino: serve subito formazione ad hoc

Novellino_Ettore

L’approvazione dell’emendamento alla legge di Stabilità, sulla dispensazione dei farmaci innovativi in farmacia, è una riapertura dell’attività professionale del farmacista ma richiede una formazione specifica che dovrà essere una priorità dei primi sei mesi del 2014. È quanto sostiene Ettore Novellino (foto) presidente della Conferenza dei direttori delle scuole di farmacia, dal quale arriva un invito a «diffondere immediatamente una formazione continua rivolta a tutti i farmacisti organizzata dagli Ordini che dovranno imporne la frequentazione con verifica rigorosa degli esiti ed eventuale applicazione di sanzioni». Secondo Novellino, l’approvazione dell’emendamento, «scardina i paletti delle legge 405 che vedeva il farmaco solo in funzione dei costi e non dell’effetto terapeutico» e aggiunge: «Per poter essere garante dei farmaci innovativi, come lo è per gli altri, il farmacista deve formarsi sui meccanismi d’azione, sulle indicazioni, sulle possibili interazioni con terapie non innovative già in corso, sulle norme di acquisizione e conservazione, sulla dispensazione secondo il piano terapeutico». Si attende ora l’approvazione definitiva della legge di Stabilità e poi, spiega Novellino, «ci vorranno due o tre mesi per definire gli accordi con le Asl per capire dove serve monitoraggio e come gestire il trasferimento delle schede di monitoraggio. Per questo è necessario fare la formazione nei primi sei mesi del 2014».

Simona Zazzetta


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi