Sanità

mar212017

Integratori in prevenzione e controllo patologie, esperti: benefici clinici e risparmi per Ssn

Integratori in prevenzione e controllo patologie, esperti: benefici clinici e risparmi per Ssn
Se usati per la prevenzione e controllo di specifiche patologie ad alto impatto socioeconomico, oltre ai benefici clinici, i prodotti nutraceutici possono giocare un ruolo importante sul contenimento dei costi sanitari. È quanto dicono i dati raccolti in uno studio sulla malattia renale cronica presentati a Farmacistapiù 2017 in una sessione curata da Federsalus, da Piergiorgio L. Colombo, docente dell'Università degli Studi di Pavia. È stato evidenziato che trattamento dietico-conservativo della malattia renale cronica, l'adozione di una dieta a severa restrizione proteica, nei pazienti dai 70 anni in su, è risultata in grado di posticipare l'inizio della dialisi di circa un anno, comportando un risparmio stimato per il Ssn di 21.180 euro/paziente per il primo anno di trattamento. Inoltre, la somministrazione della terapia dietetica nel paziente in fase predialitica è supportata anche da uno studio, secondo cui l'adozione della dieta ipoproteica rispetto alla standard sarebbe in grado di comportare una riduzione a dieci anni del 18% degli ingressi in dialisi e un risparmio per il Ssn di 13.829 euro/paziente.

«La ricerca scientifica ha confermato i benefici clinici ed economici del trattamento dietetico conservativo nella malattia renale cronica tramite diete ipoproteiche ed eventuale supplementazione con chetoanaloghi e amminoacidi essenziali» ha affermato l'esperto «i nutraceutici non contribuiscono soltanto al mantenimento della salute e del benessere della popolazione, ma anche alla sostenibilità economica del servizio sanitario». È stato inoltre sottolineato il ruolo che il farmacista assume in un contesto di invecchiamento della popolazione per l'affermarsi di un modello virtuoso che potrebbe contribuire al contenimento dei costi del Ssn, abituando il paziente ad adottare atteggiamenti che prevengano l'insorgere di patologie in particolare, quelle legate alla salute delle ossa, al colesterolo alto, all'ipertensione, al diabete, all'apparato circolatorio. «L'integratore alimentare» ha commentato Marco Testa, presidente FederSalus «si è progressivamente affermato con un ruolo funzionale per affrontare e gestire specifiche esigenze di trattamento e prevenzione di malattie promuovendo il mantenimento della salute». Gli integratori, si legge in una nota di Federsalus, «sono la seconda categoria nel canale farmacia subito dopo il farmaco branded. Il mercato totale degli integratori sviluppa nell'anno mobile terminante a gennaio 2017 un valore di quasi 2,8 miliardi di euro che si traduce in circa 196,7 milioni di confezioni vendute. Il trend a valore si conferma positivo registrando un incremento del +7,7% rispetto all'anno mobile terminante a gennaio 2016. Tale trend positivo è sempre guidato dal canale farmacia dove gli acquisti si concentrano con una quota del 92,4%».
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO