Sanità

nov292013

Internet fonte di informazione per farmacisti e pazienti

computer stetoscopio

Quasi il 90% dei farmacisti consulta quotidianamente la rete, in particolare siti istituzionali, magazine on line e siti di aziende, cercando aggiornamenti professionali e informazioni su patologie e farmaci. È questo il dato emerso da un’indagine Aism-Assolombarda presentata nei giorni scorsi a Milano durante l’incontro ““Web marketing: il farmaco e la rete”. La ricerca, condotta su un campione di 750 farmacisti del database Medikey Edra, ha evidenziato come la stragrande maggioranza dei professionisti vada in rete tutti i giorni a cercare approfondimenti e notizie di carattere normativo/legale. Più frequentati sono i siti istituzionali (Aifa, Ministero della Salute, Federfarma) e i magazine on line (Farmacista 33 e Farmacistaonline in testa). Ma la rete è sempre più fonte  di informazione anche per i pazienti, secondo quanto riporta una ricerca dell'Osservatorio di Alkemy, che ha fotografato il mondo del farmaco sul web, raccogliendo e aggregando dati Censis, Google Usa e Google Trends Forrester. È emerso che oltre un terzo degli italiani utilizza il web e i nuovi media per ottenere informazioni sulla propria salute. In particolare, tra i pazienti il medico di base risulta essere la fonte primaria per ottenere informazioni mediche (56%), seguito internet, utilizzato dall’11% del campione e poi dal farmacista (4%). Obiettivi principali delle ricerche su web da parte dei pazienti è trovare chiarimenti sulle patologie (90%) e sulle strutture a cui rivolgersi (59%) e confrontarsi con altri utenti. Anche i servizi si stanno affermano sul web: accanto alle prenotazioni di visite e di esami (15%), il 3% degli italiani vi acquista farmaci (dati Censis 2012). A fare largo uso del canale digitale sono gli stessi medici, con l’obiettivo di fare approfondimenti relativi ai pazienti, avere aggiornamenti scientifici e informazioni sui prodotti farmaceutici. L'attività più frequente rimane, però, quella di scambiarsi informazioni su patologie e farmaci, soprattutto negli Stati Uniti dove, secondo l'analisi di Alkemy, oltre il 50% della vendita dei farmaci è influenzata da informazioni raccolte online e il 7% degli acquisti avviene sul web.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO