Sanità

giu122018

Intestino irritabile, incontro Afen: sinergia medico-farmacista per prevenzione, diagnosi e cura

Intestino irritabile, incontro Afen: sinergia medico-farmacista per prevenzione, diagnosi e cura
Creare una sinergia operativa tra farmacista, medico di medicina generale e gastroenterologo per la prevenzione e per una diagnosi più precoce della sindrome dell'intestino irritabile o Ibs. È con questo obiettivo che Afen, Associazione Farmacisti Esperti in Nutrizione, con il contributo incondizionato di Agpharma e con il patrocinio dell'Ordine Provinciale dei farmacisti di Bari Bat e di Federfarma Bat, organizza a Barletta il seminario "sinergia medico-farmacista nella prevenzione e cura della sindrome dell'intestino irritabile", sabato 16 giugno alle 14:00.

Questo disordine funzionale dell'intestino interessa il 5-20 % della popolazione del mondo occidentale e circa l'11 % della popolazione mondiale, in prevalenza femminile: in Italia oltre il 7 % della popolazione ne è affetto. Mediamente sono necessari 17 anni prima che il paziente si rivolga al gastroenterologo, un ritardo diagnostico che troppo spesso vede muoversi in ordine sparso il farmacista, il medico di medicina generale e lo specialista, con il rischio concreto di cronicizzazione e degenerazione della patologia. È necessario quindi uno sforzo comune ed un lavoro in team efficace. La presenza capillare sul territorio della farmacia e della parafarmacia permettono al farmacista di essere il professionista sanitario di riferimento per gran parte della popolazione italiana. Se al medico spetta l'indiscusso ruolo della diagnosi e della terapia al farmacista è consentita una valutazione della sintomatologia che permette di indirizzare il paziente-cliente verso lo specialista di riferimento.

I soci ordinari della Afen sono farmacisti in possesso di titoli accademici in ambito nutrizionale e rappresentano senza dubbio "sanitari particolarmente preparati in questo ambito", capaci quindi di lavorare in sinergia con gli altri professionisti dell'area della salute e del benessere. Il territorio della provincia pugliese di Barletta-Andra-Trani è caratterizzato da una elevata concentrazione abitativa in un'area abbastanza disomogenea per le caratteristiche degli agglomerati urbani; città, sia costiere sia dell'entroterra, di piccole, medie e grandi dimensioni, con popolazioni eterogenee per abitudini alimentari e stili di vita. L'estrema variabilità del campione offre lo spunto per analisi e considerazioni di tipo epidemiologico che diventeranno parte integrante di un progetto pilota che si vorrebbe esportare su tutto il territorio nazionale.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO