farmaci

set42017

Ipercolesterolemia, indagine Ue: con fitosteroli risparmi su eventi cardiovascolari

Ipercolesterolemia, indagine Ue: con fitosteroli risparmi su eventi cardiovascolari
Con il consumo di 1,7 g di fitosteroli al giorno da parte della popolazione europea di età superiore ai 55 anni con ipercolesterolemia, si otterrebbe una riduzione del 2,3% del rischio di ospedalizzazione dovuta a eventi cardiovascolari, con risparmi di 26,5 miliardi di euro in cinque anni. A dirlo sono i risultati del nuovo studio commissionato da Food Supplements Europe, (Associazione Europea di Aziende produttrici di Integratori Alimentari), di cui Integratori Italia-AIIPA fa parte. In tutta l'UE vivono 31,1 milioni di persone di età superiore a 55 anni che soffrono di ipercolesterolemia grave e che hanno un rischio stimato pari al 24,3% di essere colpiti da un evento cardiovascolare con conseguente ospedalizzazione. I fitosteroli hanno dimostrato di ridurre i livelli di colesterolo LDL. Ci sono prove evidenti che miliardi di euro di costi associati a eventi cardiovascolari potrebbero essere risparmiati attraverso un'integrazione più diffusa tra le popolazioni target nella UE. I ricercatori indipendenti di Frost & Sullivan hanno calcolato, infatti, l'onere economico legato alla gestione di eventi cardiovascolari dovuti a ipercolesterolemia in questo target di popolazione e hanno stimato un costo a carico dei servizi sanitari dell'UE di 1,328 miliardi di euro tra il 2016 e il 2020 - 266 miliardi di euro all'anno, equivalenti a 34.637 euro per ogni evento. I risultati dello studio sono riportati nel nuovo rapporto Frost & Sullivan: Healthcare Cost Savings of Phytosterol Food Supplements in the European Union (http://www.foodsupplementseurope.org).

È il secondo studio pubblicato nell'arco di un anno che ha evidenziato l'enorme potenzialità di una più diffusa integrazione alimentare nella UE nel generare risparmi in relazione a eventi cardiovascolari tra le popolazioni target. «Nel primo studio, del 2016, i ricercatori di Frost & Sullivan avevano calcolato un risparmio di 13 miliardi di euro all'anno dovuti a malattie cardiovascolari con un consumo giornaliero di 1.000 mg di integratori alimentari omega 3 EPA + DHA, nella popolazione over 55 - dichiara Anna Paonessa, Responsabile Integratori Italia - In questo nuovo studio, si parla sempre di rischio cardiovascolare: l'analisi adesso esamina, attraverso una simulazione, l'impatto positivo dell'integrazione alimentare con fitosteroli sui costi dei servizi sanitari nella UE e sulla qualità di vita del target a rischio considerato dallo studio». A febbraio 2017 è stato infine pubblicato un secondo rapporto che aveva calcolato il risparmio generato dall'integrazione di Calcio e Vitamina D nel ridurre le fratture ossee tra i 27,8 milioni di persone dell'UE di età superiore ai 55 anni che soffrono di osteoporosi, per un risparmio valutato di 3,96 miliardi di euro l'anno.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Schramm - La farmacia online
vai al download >>

SUL BANCO