NUTRIZIONE

lug202011

Latte e soia meglio degli zuccheri per la pressione

Un maggior consumo di alimenti o bevande ricche di proteine della soia o del latte può aiutare a prevenire e trattare l’ipertensione. Lo dimostra uno studio i cui risultati tolgono anche ogni dubbio circa un ipotetico ruolo dei carboidrati. Nello studio, randomizzato e controllato, 352 adulti pre-ipertesi o con ipertensione di stadio 1 sono stati assegnati a ricevere, rispettivamente, un supplemento contenente 40 gr di proteine della soia, di proteine del latte o di carboidrati raffinati ogni giorno per 8 settimane a rotazione, intervallate da 3 settimane di washout. I valori iniziali erano compresi tra 120 e 159 mmHg per la pressione sistolica e 80-95 mmHg per la diastolica, la pressione era poi misurata due volte in altrettante visite di controllo che seguivano ciascun periodo d’intervento. I trattamenti con supplementi proteici hanno fatto registrare rispettivamente una riduzione di 2,00 mmHg e 2,3 mmHg dei valori di pressione sistolica. «Un dato piccolo a livello individuale» ha sottolineato Jiang He, epidemiologo alla Tulane university school of Public health and tropical medicine di New Orleans, a capo della ricerca «ma importante se valutato in termini di popolazione». Secondo studi precedenti, infatti, un simile effetto sarebbe sufficiente a ridurre del 6% le morti per infarto, del 4% i tassi di cardiopatia e del 3% la mortalità generale in America. (E.L.)


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Boiron Roux - Pediatria
vai al download >>

SUL BANCO