FITOTERAPIA

lug202022

Le interazioni farmacologiche nel paziente oncologico

I pazienti oncologici utilizzano numerosi farmaci, tra cui antitumorali, farmaci di supporto e altre medicazioni prescritte, oltre a erbe e altri prodotti. Ciò li espone al rischio di interazioni farmacologiche significative.
L'interazione farmacologica (DI - Drug interactions) si verifica quando il farmaco bersaglio è influenzato da un altro agente e provoca alterazioni del suo effetto clinico. Questa interazione può influenzare la farmacocinetica, la farmacodinamica o le proprietà farmaceutiche del farmaco target. Di conseguenza, influisce negativamente sulla qualità della vita del paziente, potenziando gli effetti avversi legati al farmaco o riducendone l'efficacia. In particolare, il 4% dei decessi per cancro è dovuto a un grave evento correlato ai farmaci, comprese anche le DI. Ciò rende la ricerca in quest'area fondamentale per identificare e affrontare le potenziali interazioni farmacologiche in questa popolazione.
È da notare che i pazienti oncologici sono soggetti a tali DI per diversi motivi. In primo luogo, sono trattati con più di un agente antitumorale. In secondo luogo, vengono prescritti più farmaci per trattare le loro condizioni croniche. In terzo luogo, a volte vengono utilizzati farmaci di supporto per controllare gli effetti avversi della terapia o i sintomi correlati alla malattia. In quarto luogo, talvolta si ricorre alla medicina alternativa (come le erbe) o a prodotti da banco (OTC).
Uno studio svolto in Palestina descrive la prevalenza, i predittori e le caratteristiche delle potenziali interazioni farmacologiche tra i pazienti oncologici (1). In questo studio sono stati inclusi pazienti con tutti i tipi di cancro, che assumono farmaci antitumorali per via orale o endovenosa, e la valutazione delle interazioni con altre sostanze (come erbe e alimenti) che i medici a volte trascurano.
Lo studio è stato progettato per identificare la prevalenza delle DI tra i pazienti oncologici e per aiutare a formulare un metodo di intervento clinico per ridurre al minimo le interazioni clinicamente significative in questa categoria. Inoltre, lo studio mira a descrivere i principali fattori correlati alle interazioni e a determinarne le caratteristiche.

L'analisi finale ha incluso 327 pazienti. La maggior parte dei partecipanti aveva più di 50 anni (61,2%), era di sesso femminile (68,5%) e aveva un tumore solido (74,6%). Il numero totale di potenziali DI è stato di 1753, di cui 1510 interazioni farmaco-farmaco (DDI - Drug- drug interactions), 24 interazioni farmaco-erbe e 219 interazioni farmaco-cibo. È importante notare che la prevalenza delle interazioni è stata dell'88,1%. All'analisi multivariata, il numero di potenziali DDI è diminuito significativamente con la durata del trattamento (p = 0,007), mentre è aumentato con il numero di comorbidità (p < 0,001) e il numero di farmaci utilizzati (p < 0,001). Di tutte le 1.510 potenziali DDI, 857 (56,8%) sono state classificate come interazioni moderate, che richiedono il monitoraggio dei farmaci. Mentre la maggior parte delle DDI (56%) secondo la classificazione del rischio è stata classificata come categoria C (agenti che possono interagire tra loro in modo clinicamente significativo e può essere necessario un aggiustamento del dosaggio di uno o di entrambi gli agenti) e solo l'11,1% delle DDI che richiedono una modifica del farmaco sono di categoria D (alterazione dell'efficacia o tossicità). È necessario creare una strategia di monitoraggio adeguata per identificare gli impatti dannosi delle interazioni di categoria C. Tuttavia, nella categoria D, è necessaria una valutazione specifica per il paziente e devono essere adottate di conseguenza misure specifiche. In questo studio i pazienti hanno avuto 40 interazioni (2,6%) con la categoria X (sono da evitare in quanto i rischi di solito superano i benefici).
In generale, la prevalenza dell'uso della medicina complementare e alternativa, in particolare della fitoterapia, tra i pazienti oncologici è significativamente alta in Palestina, con il 69,5% e il 68% nelle due coorti di studio. Oltre alle terapie tradizionali, i pazienti oncologici, in particolare nei Paesi del Medio Oriente, utilizzano più frequentemente i farmaci a base di erbe rispetto alla popolazione generale. In questo studio, le erbe più comunemente utilizzate dai pazienti oncologici sono state l'anice, erbe miste, la camomilla e la salvia. Questi risultati differiscono da una serie di studi che hanno rilevato che l'efedra è l'erba più utilizzata dai pazienti palestinesi affetti da cancro mentre in questo studio era solo del 3,4%. Inoltre, in termini di relazione farmaco-cibo, un case report ha descritto un'interazione significativa tra docetaxel e succo di pompelmo, limitandone la clearance di oltre il 15%. Una delle interazioni più comuni nel nostro studio è stata Paclitaxel/Pompelmo, mentre Aprepitant/Pompelmo dovrebbe essere evitato. Le DI possono causare nuovi sintomi e i pazienti oncologici possono tendere a usare farmaci/erbe per alleviare i loro sintomi, aumentando così il rischio di DI. Il numero di sintomi riferiti potrebbe essere un potenziale fattore di rischio se i farmaci coinvolti vengono prescritti come parte di una cascata prescrittiva per alleviare nuovi sintomi di potenziali eventi avversi. Su questi punto sarebbe necessaria una valutazione più approfondita. Ciò richiede che gli operatori sanitari sviluppino un protocollo completo per monitorare e valutare le DI, migliorando la comunicazione medico-farmacista e sostenendo il ruolo dei farmacisti clinici. Fondamentale, inoltre, è la ricerca in questo settore.
Koni et al. A comprehensive evaluation of potentially significant drug-drug, drug-herb, and drug-food interactions among cancer patients receiving anticancer drugs BMC Cancer (2022) 22:547

Eugenia Gallo
Biologa, ricercatrice
CERFIT, AOU Careggi, Firenze
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi