FORMAZIONE

giu182012

Le malattie sessualmente trasmissibili

Sono patologie virali, batteriche, micotiche e da protozoi che interessano tutta la popolazione con una vita sessuale attiva.
Le principali che possono interessare entrambi i sessi possono essere così riassunte:

AIDS: Provocata dal virus HIV, presente nello sperma, secrezioni vaginali e pre-eiaculatorie. Tutti i rapporti sessuali sono a rischio, soprattutto quelli anali per la fragilità della mucosa. Periodo di finestra per primo esame 3-6 mesi.

Epatiti B e C: Provocate rispettivamente dal virus HBV e HCV, presenti nei liquidi biologici. Tutti i rapporti sessuali sono a rischio. Più resistente all'aria rispetto a quello dell'HIV. Periodo di incubazione elevato. Circa il 50% cronicizza con il rischio di sviluppare un carcinoma al fegato. Periodo di finestra per primo test da 1 a 6 mesi.

Herpes genitalis: provocata dall'HSV2 (Herpes simplex virus 2). Le lesioni appaiono caratterizzate da vescicole a contenuto liquido chiaro con infiammazione circostante del glande nell'uomo e nelle grandi labbra nella donna.

HPV (Paplilloma virus): sono verruche di origine virale provocate da un Papovirus presenti per lo più a livello anale, responsabili della formazione di condilomi a livello vaginale (rischio di tumore utero).

Gonorrea: caratterizzata da uno scolo purulento giallastro dall'uretra, provocato dal batterio Neisseria gonorrhoeae. Diagnosi di laboratorio.

Sifilide: caratterizzata da un'ulcera tondeggiante dura, se non trattata prosegue la formazione di un sifiloma, causato dal batterio Treponema pallidum. Decorso clinico di 4 stadi. Incubazione 10-90 gg per il primo stadio.

Candida: infezione sostenuta dal fungo candida albicans, che colpisce per lo più la mucosa vaginale.

Chlamydia: provocata dal batterio Chlamydia trachomatis, spesso asintomatica, nella rimanenza dei casi si segnalano perdite biancastre vaginali e dolore alla minzione. Nell'uomo può provocare epididimite e nella donna rischio rischio di infertilità.

Trichomoniasi: è un infezione provocata da un protozoo Trichomonas vaginalis, che si annida più frequentemente nella vagina e nell'uretra, provocando spesso cistiti.

Domande essenziali
Ha notato un cambiamento nei genitali? (ulcerazioni, ragadi, vesciche e/o perdite). Ha dolore? C'è secrezione quando urina? Ricordiamo l'utilizzo del preservativo e le buone norme di igiene intima, importante per esempio in soggetti affetti da fimosi.

Caso clinico
Il sig. C.M. di 43 aa lamenta da circa una settimana un dolore a livello del glande. All’esame obiettivo del medico compare una tumefazione sul glande e una secrezione giallastra e maleodorante. 

Secondo voi di cosa si tratta? Clicca qui

a cura di Fabio Simonetto, Farmacista


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO