Sanità

gen132015

Liberalizzazioni, Parafarmacie a Vicari: il problema è l'immobilismo dei titolari

Liberalizzazioni, Parafarmacie a Vicari: il problema è l’immobilismo dei titolari

«Che l'onorevole Vicari anticipi i contenuti del pacchetto liberalizzazioni facendo un formidabile assist alle lobby era alquanto prevedibile essendo queste l'elettorato di riferimento del Nuovocentrodestra. Quello che invece sfugge è, a questo punto, sapere la reale posizione in proposito di questo Governo: del Premier Matteo Renzi in primis, e del titolare del dicastero, il ministro Federica Guidi che, fino a prova contraria, ha nelle sue mani il coordinamento dell'intero disegno di legge sulla concorrenza». Così il presidente della Federazione Nazionale parafarmacie italiane, Davide Gullotta, in una nota risponde all'intervista rilasciata a Farmacista33 dal sottosegretario allo Sviluppo economico Simona Vicari, nella quale le parafarmacie vengono chiamate in causa perché non avrebbero raccolto le possibilità offerte dalle liberalizzazioni del Governo Monti. «Pseudoliberalizzazioni» risponde Gullotta a Vicari «grazie alle quali, le parafarmacie avrebbero avuto concrete possibilità di competere e svilupparsi: le preparazioni galeniche e la vendita di farmaci veterinari nel contesto nazionale non arrivano al 7% di tutto il mercato farmaceutico italiano. Questa sarebbe stata, secondo lei, la grande occasione da sfruttare, gentile onorevole?» Ma ce n'è anche per il delisting «ininfluente» secondo il presidente delle parafarmacie, e per il concorso per le nuove sedi. «Già dalle prime graduatorie» sottolinea Gullotta «emerge che molti dei legittimatissimi vincitori di sede sono figli di farmacisti titolari che erediteranno un'altra farmacia. Alla prova dei fatti un concorso su base meritoria, insieme al vincolo di ereditarietà di una concessione statale, crea esattamente questo genere di anomalie. Oggi, così come era nelle corporazioni medievali, le sedi farmaceutiche ancora si ereditano: votando Renzi pensavamo di rottamare anche questa anacronistica casta ma a quanto pare una parte della coalizione di governo che lo sostiene è di tutt'altro parere», dichiara il numero uno delle parafarmacie. «È giusto dunque, onorevole Vicari, preservare un sistema dove non si premia il merito ma il diritto per nascita? È proprio questo il tallone di Achille nel settore del farmaco: per centinaia di anni il diritto di esercizio alla professione è passato di padre in figlio, rimanendo nelle mani di pochi e quei pochi non hanno avuto nessun reale interesse a migliorarsi. Il vero motivo della crisi nel settore non sono i tagli alla spesa farmaceutica ma l'immobilismo che i farmacisti titolari perpetuano grazie al sostegno di governi compiacenti». Di tenore analogo la nota del Movimento nazionale liberi farmacisti (Mnlf) che in riferimenti ai numeri forniti dal sottosegretario parla di «dati palesemente infondati». «Nemmeno una delle 5000 nuove farmacie paventate ha aperto i battenti» sottolinea la nota Mnlf che aggiunge «peccato che la senatrice Vicari non sappia che se mai si riuscirà a terminare l'iter concorsuale sarà un vero e proprio "miracolo" se potranno aprire un numero di farmacie che corrisponderà a un aumento degli esercizi di appena il 5%. La Senatrice inoltre» continua la nota «motiva la propria posizione richiamando dati Federfarma sul numero delle farmacie che sarebbero vicine alle chiusura o in gravi difficoltà. (7000 prossime alla chiusura e 4000 in difficoltà). A parte l'enormità dei numeri che si commentano da soli, si consiglia al Sottosegretario di controllare meglio le proprie fonti e di evitare di riportare dati con cui già altri si sono coperti di "ridicolo" perché palesemente infondati. Il settore delle farmacie meno di altri ha sofferto la crisi e il 2014 si è chiuso con il segno più. Le uniche farmacie che sono in seria sofferenza, meno di un centinaio su tutto il territorio nazionale, sono quelle mal gestite da tempo ove solo il monopolio a garantito loro la sopravvivenza».

Marco Malaguttiì



discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Ansel - Principi di calcolo farmaceutico
vai al download >>

SUL BANCO