Sanità

set112018

Medici e farmacie, un caso di vicinanza apre dibattito sulla legittimità

Medici e farmacie, un caso di vicinanza apre dibattito sulla legittimità
Quale è il limite nei rapporti tra medici e farmacisti e tra studi medici e farmacie? Un caso di cronaca a Lucca, che ha visto, ieri, l'inaugurazione di una farmacia di Alliance Farmacie comunali di Lucca nel centro commerciale Il Quadrifoglio di Lammari insieme a studi medici che fanno a capo a una medicina di gruppo, Area Sanitaria Europa, fa discutere la categoria. La notizia è stata riportata sui quotidiani locali e, secondo quanto si apprende, la farmacia comunale è stata oggetto di un trasferimento. Uno spostamento di «poche centinaia di metri» che era stato annunciato a giugno ed era contenuto nella «revisione della pianificazione territoriale del servizio farmaceutico approvata dalla giunta comunale», con «l'obiettivo di renderle più coerenti con lo sviluppo del territorio». Un atto che, si legge nella rassegna stampa di giugno, «recepisce le richieste delle farmacie giunte nell'ambito di un percorso partecipativo avviato dal Comune che ha coinvolto l'azienda sanitaria, l'ordine provinciale, associazioni di categoria e gestori dei servizi» e che nel dettaglio della farmacia comunale interessata era finalizzato a «un miglioramento generale del servizio, visto che si integrerà con gli studi medici dell'area e sarà potenziato l'orario di apertura al pubblico».

«Abbiamo accolto la domanda di Alliance Farmacie comunali perché condividiamo la ricaduta positiva che avrà sulla comunità» aveva detto l'assessore allo sviluppo economico, Serena Frediani, andando «verso la creazione di un piccolo polo sanitario in una zona nevralgica di Capannori». Per quanto riguarda gli studi medici Ase si sono a loro volta trasferiti - anche questi di pochi metri, essendo già in precedenza nella stessa via della farmacia comunale - accanto agli Studi Pediatrici Capannoresi, all'interno appunto del centro commerciale Quadrifoglio. «L'Area Sanitaria Europa Ase» si legge ancora «nasce dalla Igea Salus, una cooperativa costituita da medici di medicina generale». All'interno di Ase si trovano a operare anche specialisti. «Nella nuova sede della farmacia» spiega il sindaco di Capannori, Luca Menesini, «sarà attivo il servizio Cup e si potranno fare autoanalisi». Inoltre, la farmacia comunale «andrà ad effettuare un ampliamento di orario con servizio continuato dalle 8 alle 20 dal lunedì al venerdì e il sabato mattina dalle 8 alle 13».

Ma tra i farmacisti la notizia ha destato perplessità e preoccupazioni e da molti è partito l'invito a un approfondimento, per capire se l'esperienza risulta rispettare tutti i vincoli e paletti esistenti. C'è chi si chiede fino a che punto sia chiaro il limite di una collaborazione corretta e finalizzata al paziente che ci può essere tra medici e farmacisti e tra medici e farmacie. Alcuni esperti affermano che non c'è una normativa specifica che vieta la prossimità: «Mentre non è possibile avere l'attività del medico dentro la farmacia, avvicinare le due attività non è illegale» afferma un commercialista secondo il quale il confine della legittimità «dipende dal comportamento deontologicamente corretto dei professionisti» con chiaro riferimento al comparaggio e all'accaparramento di ricette.

Francesca Giani
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO