Galenica

set172021

Melatonina in crema, antiossidante in radioterapia

Molti pazienti oncologici ricevono la radioterapia e gli effetti collaterali possono influenzare la qualità della vita

Melatonina in crema, antiossidante in radioterapia
La radioterapia svolge un ruolo molto importante nel trattamento di malattie sia benigne che maligne. Più della metà dei pazienti con cancro riceve un trattamento con radiazioni, inclusa la radioterapia esterna o la brachiterapia per la loro malattia. Nonostante tutti i vantaggi della radioterapia rispetto alla chirurgia, gli effetti collaterali acuti e tardivi sono fattori limitanti che possono influenzare la qualità della vita dei malati di cancro.

Stress cellulare da radiazioni ionizzanti

Infatti, l'esposizione degli organismi viventi alle radiazioni ionizzanti induce una varietà di stress nelle cellule, tra cui danni al DNA e alle membrane, oltre che agli organelli citoplasmatici. Danni intensi dopo l'esposizione alle radiazioni stimolano le risposte immunitarie che si traducono in conseguenze successive. In alcuni studi americani, è stato proposto che la melatonina come potente agente antiossidante e immunomodulatore per ridurre i radicali liberi, potenziare i meccanismi di riparazione del DNA e modificare le risposte delle cellule immunitarie dopo l'esposizione a radiazioni ionizzanti.


Melatonina somministrata come crema

La melatonina è un ormone epifisario, secreto anche dal tessuto extraghiandolare, normalmente somministrato per alleviare i sintomi del jet lag e disturbi dovuti a ritardi del sonno. Studi sperimentali su animali indicano che l'ormone aumenta la concentrazione di acido aminobutirrico e di serotonina nel mesencefalo e nell'ipotalamo ed incrementa l'attività della piridossal-chinasi, enzima coinvolto nella sintesi dell'acido aminobutirrico, della dopamina e della serotonina. In questo campo, più dermatologico, le creme a base di melatonina sono state applicate 2 volte al giorno a un piccolo (26) numero di donne che si stavano sottoponendo a radioterapia per carcinoma mammario. Il gruppo placebo era di 21 pazienti. Il trattamento è durato per altre 2 settimane dopo la fine della radioterapia. L'insorgenza di dermatite acuta da radiazioni di grado 1 e2 era significativamente inferiore (59% vs 90%, P = 0,038) nel gruppo trattato con la crema a base melatonina. Le donne di età superiore ai 50 anni avevano una dermatite significativamente inferiore rispetto ai pazienti più giovani (56% vs 100%, P = 0,021).

FORMULAZIONE
Materiali: bilancia, spatola, piastre per crema, pH metro
Melatonina 12.5%
Crema base qb a 50ml
Miscelare con progressione geometrica la melatonina nella crema base. Alternativamente, poiché la melatonina è solubile in alcool (ma non in acqua), si può scegliere di aggiungere una certa quantità di alcool, o di creare un gel alcolico per solubilizzare il principio attivo. Al termine, si effettui controllo dell'aspetto della crema, che deve essere uniforme, della quantità totale allestita e della tenuta del confezionamento. Consigliato anche un controllo dell'efficacia microbiologica del sistema conservante.

Luca Guizzon
Farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia, farmacia Campedello Vicenza (www.farmaciacampedello.it)


Fonti

Biophys Rev. 2017 Apr; 9(2): 139-148.Published online 2017 Mar 27.
Isr Med Assoc J . Mar-Apr 2016;18(3-4):188-92.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi