Sanità

mag222018

Meno carichi per le farmacie da nuova Farmacopea. In arrivo norme di Buona preparazione

Meno carichi per le farmacie da nuova Farmacopea. In arrivo norme di Buona preparazione
L'aggiornamento della Farmacopea è andato nella direzione di rispondere alle esigenze delle farmacie nella pratica quotidiana, con una semplificazione, e, in questa prima fase, ha riguardato principalmente le Tabelle e le Strumentazioni obbligatorie. I lavori continueranno fino al 21 giugno, scadenza fissata dal Decreto che ha dato l'avvio al tavolo, e si punta, entro quel termine, a tirare le somme sulle norme di Buona preparazione e sulle monografie riguardanti i radiofarmaci. Ma l'obiettivo a cui si sta lavorando è anche quello di rendere permanente il tavolo.

A fare il punto sulle novità della revisione della XII edizione della Farmacopea, contenute in un decreto del Ministero della Salute del 17 maggio, è Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona, tra i rappresentanti di Federfarma al tavolo. «Le revisioni contenute nel decreto ministeriale, che non è ancora stato pubblicato in Gazzetta e non è quindi ancora in vigore, hanno riguardato l'aggiornamento di alcuni testi. Il metodo che abbiamo seguito è stato quello di affrontare da subito i temi più semplici e con la massima condivisione in modo da arrivare a un risultato quanto prima. Piano piano poi sono stati affrontati anche gli altri temi, particolarmente complessi, come per esempio le norme di Buona preparazione e le monografie sui radiofarmaci. Su questi sono stati all'opera alcuni sottogruppi che hanno lavorato molto intensamente e adesso si tratta di tirare le somme e portare a conclusione quanto fatto fino ad ora. Il tavolo, da decreto istitutivo, vede la sua fine naturale il 21 giugno e sarà compito del prossimo governo eventualmente prorogarlo. Da parte nostra abbiamo chiesto e chiederemo ancora che diventi un'esperienza permanente».

Quanto ai contenuti, «per ora, la parte più di impatto per l'operato delle farmacie e le novità più importanti riguardano l'aggiornamento delle tabelle, che ha portato al risultato di aver aggiornato le sostanze e materie prime da tenere obbligatoriamente in farmacia, sia tenendo conto della vetustà di utilizzo, sia delle problematiche nella reperibilità, che determinavano inutili difficoltà e carichi amministrativi alle farmacie, in vista di eventuali ispezioni». Altro capitolo importante «è quello relativo alla strumentazione obbligatoria. Il principio che è passato, in questo caso, è di tenere in farmacia una strumentazione di base e poi tutto ciò che serve sulla base delle tipologie di preparazioni su cui il presidio si è orientato come consuetudine». Infine, un'altra novità di particolare importanza «riguarda la digitalizzazione dei testi, che per ora interessa gli aggiornamenti e come step successivo varrà per tutta la farmacopea».

Francesca Giani
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO