Sanità

apr12021

Mercato farmacia. Mese di marzo ancora in perdita ma più contenuta

Mercato farmacia. Mese di marzo ancora in perdita ma più contenuta

A marzo il canale farmacia chiude con una perdita più contenuta rispetto alla prima metà del mese: farmaco da prescrizione e comparto commerciale mostrano trend meno negativi

Il mese di marzo del canale farmacia si chiude con una perdita più contenuta rispetto a quanto osservato nella prima metà del mese, in particolare il farmaco da prescrizione e il comparto commerciale mostrano trend meno negativi rispetto allo scorso anno, corrispettivamente del -3,6% e del -2,6% e una domanda sostanzialmente stabile rispetto ai 7 giorni precedenti. Sono i dati aggiornati dalla fotografia settimanale di New Line Rdm (Dati NewLine, Focus Covid-19).

Farmaci su prescrizione e automedicazione

Il farmaco su prescrizione continua a mostrare perdite nei farmaci cronici (sistema cardiovascolare -9,2%) e si nota ancora un maggior approvvigionamento nel 2020, anche se inferiore rispetto a quanto registrato durante il picco di metà mese. Le vendite di antistaminici, dopo la partenza registrata a inizio mese, mostrano un livello della domanda stabile rispetto alle scorse settimana, registrano un trend del -3,8%. Segni positivi nel mercato degli antidolorifici per effetto di un livello della domanda inferiore lo scorso anno. Calo del 2,1% nel mercato dell'automedicazione, e il trend rispetto al 2020 mostra un calo del -3,8%, migliorativo rispetto a quanto osservato nelle scorse settimane, a seguito del calo dei livelli registrato dopo lo shock positivo alla domanda avvenuto nel 2020 all'inizio della pandemia. Trend negativo per immunostimolanti e vitamine (-23,5% e -21,1%) sanitaria, ma continuano a essere sopra i livelli pre-pandemia. In leggero aumento la domanda di sali minerali e di multivitaminici e multiminerali rispetto ai 7 giorni precedenti e trend in crescita rispetto al 2020 del +24,2% e del +2,6% corrispettivamente. In crescita del +6,8% rispetto al 2020 la domanda di prodotti di automedicazione per l'insonnia e benessere mentale.

Dermocosmetica in crescita

Risale la richiesta di prodotti della dermocosmetica e igiene: rispetto ai sette giorni precedenti registra un +2,7% e il trend rispetto al 2020 è del +17,9%, come effetto del significativo calo osservato durante il primo lockdown. Tuttavia, non si raggiungono ancora i livelli di una situazione pre-pandemica; confrontando il dato della settimana rispetto alla corrispondente del 2019 si nota ancora un differenziale negativo del 7% circa. La situazione particolare porta a trend molto positivi per molte categorie, compresi i prodotti per il trattamento viso (+47,1% rispetto al 2020). Trend fortemente positivo anche per i trattamenti corpo si registra un +45,7%, complice da un lato le minori vendite registrate nel 2020 e dall'altro lato l'incremento dei volumi di vendita rispetto ai precedenti 7 giorni (+6,6%). La domanda di trattamenti corpo è tornata ai livelli che si osservavano prima dell'emergenza, infatti mostra un recupero del +3,1% anche rispetto al 2019. Domanda in crescita e trend molto positivi per tutte le componenti che costituiscono questo mercato: +33,3% per gli anticellulite e altri trattamenti corpo, + 33,4% per gli Idratanti e pelli Sensibili e in forte rialzo anche per i trattamenti speciali. Volumi di vendita che si posizionano ancora ad un livello superiore rispetto al 2020 per il mercato dell'Acne, mentre il crollo delle vendite osservato durante il primo lockdown porta a registrare trend positivi per il maquillage e i solari, sebbene i livelli di vendite siano ancora molto inferiori rispetto agli anni precedenti.

Fonti

I dati New Line RDM
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO