NUTRIZIONE

nov92011

Micotossina scoperta nel latte per neonati

Una micotossina estrogenica e due suoi derivati, sono stati trovati in alcuni campioni di latte artificiale (la micotossina nel 9% di quelli testati e i suoi derivati nel 26% dei campioni) venduti in Italia. A fare la scoperta, riportata dal Journal of pediatrics, un team dell'università di Pisa, guidato da Francesco Massart. «La micotossina in questione» spiegano i ricercatori pisani «è lo zearalenone, prodotta dai microfunghi Fusarium che si sviluppano su vari tipi di granaglie; può arrivare nel latte e nella carne degli animali alimentati con mangimi contaminati». La tossina e i suoi metaboliti hanno attività anabolizzante ed estrogenica, come già dimostrato dagli stessi ricercatori in uno studio del 2008, che denunciava un aumento del numero di bambine con pubertà precoce proprio perché esposte alla micotossina. In base ai dati raccolti nella ricerca attuale gli autori hanno stimato che l'assunzione media giornaliera di beta-zearalenolo, per bambini alimentati con uno dei latti contaminati, potrebbe essere di 5,90 mcg per kg di peso corporeo, per un lattante pretermine, e di 5.89 mcg / kg per un neonato non prematuro. In entrambi i casi le soglie massime di tolleranza indicate dalla Fao e dall'Oms sarebbero superate. «Le micotossine sono purtroppo abbastanza comuni negli alimenti» spiega Giuseppe Rotilio, direttore del Corso di laurea in Scienze della nutrizione dell'università di Roma Tor Vergata «anche se il loro ritrovamento nel latte in polvere è abbastanza inusuale. Normalmente si generano per il deposito in silos dei cereali, se c'è un ambiente troppo umido. In Italia abbiamo centri all'avanguardia per la loro ricerca negli alimenti, sia all'Istituto Superiore di Sanità che al Cnr, e quindi non dovrebbe essere difficile intensificare i test anche per questo alimento».

J Pediatr. 2011 Aug; 159(2):278-83.e1


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO