farmaci

dic62021

Microbiota sano per un sistema immunitario efficiente

Microbiota sano per un sistema immunitario efficiente

L'alterazione dell'equilibrio tra microbiota intestinale e sistema immunitario molto spesso può contribuire allo sviluppo di numerose patologie infiammatorie, autoimmunitarie e allergiche

L'interesse scientifico per il microbiota è cresciuto in modo esponenziale negli ultimi anni e numerosi studi hanno chiarito la stretta correlazione che esiste tra microbiota intestinale e sistema immunitario. L'alterazione dell'equilibrio tra questi due fattori molto spesso può contribuire allo sviluppo di numerose patologie infiammatorie, autoimmunitarie e allergiche. L'immunometabolismo è una disciplina che studia i rapporti tra sistema immunitario e metabolismo corporeo, connesso allo stato nutrizionale, spiegando come il cibo può aiutare o nuocere alla nostra salute. Uno squilibrio prolungato nel microbiota può portare ad un malfunzionamento del sistema immunitario. Per questo motivo uno stile di vita sano ed un'alimentazione corretta possono aiutare il sistema a funzionare correttamente. Alla luce dell'interesse sempre maggiore relativo all'impiego di alimenti nutraceutici e per approfondire il passaggio del concetto di cura verso quella della prevenzione, si è tenuto il webinar "#orachelosai - Come rafforzare il sistema immune: dal microbiota alla nutraceutica", organizzato da Edra con il supporto incondizionato di Dompé.

L'importanza degli stili di vita

Carmelo Scarpignato, docente di Farmacologia Clinica all'Università di Parma, ha evidenziato il contributo e l'impatto che la nutraceutica può dare al benessere dell'individuo e al suo sistema immunitario. Per Scarpignato «lo stile di vita è la chiave per promuovere il benessere, perché tra dieta e sistema immune esiste ovviamente una correlazione. Ed è fuori discussione che le difese dell'organismo abbiano bisogno di un sistema immune che non può non fondarsi su una dieta ricca di principi nutritivi basilari, in particolare di tutti quegli alimenti antinfiammatori, antiossidanti e micronutrienti (vitamine D e C) e altri minerali. Quando, però, si vengono a creare delle situazioni di stress immunologico, la dieta da sola può non essere sufficiente e si può avere bisogno di quantità di elementi nutraceutici (suprafisiologici)».
I nutraceutici con "claim", ossia con una attitudine a stimolare il sistema immune - spiega il professore - possono essere di diversi tipi: probiotici e simbiotici, alcuni fitofarmaci, supplementi multivitaminici e multiminerali e alcune sostanze chimiche ben caratterizzate derivate dagli alimenti, che hanno proprietà chimico fisiche e fisiofarmacologiche ben definite. In sintesi, «contro batteri e infezioni virali, anche attraverso un uso di nutraceutici di qualità e consigliati dal proprio medico, ovvero probiotici, prebiotici e vitamine - oltre alla presenza importante degli acidi grassi a catena corta (SCFAs) che esercitano le loro azioni benefiche - possiamo creare un effetto di sostentamento del sistema immune che potrà aiutare sia i pazienti sia i soggetti sani a combattere diverse infezioni in maniera più soddisfacente».

Microbiota e risposta immunitaria

Francesco Franceschi, ordinario di Medicina Interna alla Cattolica di Roma, si è soffermato su come il microbiota intestinale (composto da una varia serie di elementi) sia fondamentale per lo sviluppo del sistema immunitario sin dalla nascita. Esso, infatti, agisce come uno scudo contro microbi pericolosi che potrebbero colonizzare l'apparato digerente e partecipa alla produzione di molecole che regolano le risposte immunitarie, giocando un ruolo fondamentale nella regolazione della risposta infiammatoria. «Il microbiota intestinale può influenzare la risposta immunitaria anche in organi distanti dall'intestino e quando ci muoviamo dalla eubiosi alla disbiosi, ovvero da un corretto equilibrio della composizione microbiotica a un'alterazione di quest'ultima, ecco che allora possono determinarsi alterazioni delle normali funzioni fisiologiche. Le alterazioni della flora intestinale (disbiosi) sono associate a diverse patologie importanti come, per esempio, obesità e diabete». Occorre anche considerare che c'è sempre un rapporto diretto tra nutrizione, disbiosi, infiammazione e impermeabilità intestinale e per questo anche il fattore nutrizionale gioca un ruolo importante nel corretto equilibrio del nostro sistema immunitario.


Nutrizione e metabolismo

Giuseppe Matarese, docente di Patologia generale alla Federico II di Napoli, ha invece sottolineato come una corretta alimentazione associata anche a una regolazione delle calorie, possa agire sul nostro sistema immunitario. Matarese ha spiegato che la nutrizione e il metabolismo sono connessi e costituiscono elementi chiave per la longevità e la salute: noi siamo ciò che mangiamo. «Il metabolismo è inoltre strettamente correlato all'immunità. Le oscillazioni dei nutrienti e degli ormoni sono fondamentali per la risposta immunitaria e a questo fine possono essere estremamente utili diversi tipi di restrizioni caloriche. La tolleranza al sé è governata dall'intersezione dell'immunometabolismo e del training immunologico grazie al microbioma intestinale e al suo corretto stato, poiché è la prima sede dove tale training accade». Di particolare importanza, inoltre, «la cross contaminazione e, in questo senso, uno spunto di riflessione importante è il limite che il Covid e il conseguente, e necessario, uso delle mascherine hanno portato alla cross contaminazione». Questo, per Matarese, potenzialmente avrà degli impatti da valutare: alla luce di questi fatti il supporto nutrizionale, rispetto al fatto che non ci "contaminiamo più", diventa di fondamentale importanza, soprattutto in tempo pandemico.

Cristoforo Zervos



discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi