Sanità

ott32019

Morte dei fratelli a Firenze, autopsia rinviata. Conasfa: riflessione su rispetto regole

Morte dei fratelli a Firenze, autopsia rinviata. Conasfa: riflessione su rispetto regole

Conasfa richiama l'attenzione sul problema dell'elusione delle norme che tutelano cittadino e professionalità, e invita a una riflessione urgente

In attesa che si faccia chiarezza sul caso dei due fratelli trovati morti nella camera di un hotel di Firenze a causa, si ipotizza, di un mix di alcool e farmaci oppiacei dispensati in assenza di ricetta da un farmacista al momento iscritto nel registro degli indagati, il Conasfa richiama l'attenzione sul problema cronico dell'elusione delle norme e invita a una riflessione urgente. Intanto, si apprende dall'edizione fiorentina di Repubblica, l'autopsia che si sarebbe dovuta eseguire mercoledì è "slittata a data da destinarsi". L'avvocato del farmacista indagato per omicidio colposo, riporta la cronaca, "ha richiesto che l'accertamento autoptico venga svolto con la formula dell'incidente probatorio. Se la richiesta sarà accolta, sarà il gip a conferire l'incarico a un medico legale e non il pubblico ministero. In attesa della decisione del gip, il pm ha dato quindi disposizione a un medico legale di effettuare il solo prelievo di campioni di tessuti in vista degli esami tossicologici, operazione che non è rinviabile per l'alterazione biologica dei risultati".

Contravvenire leggi e Codice comporta responsabilità gravi

Il Conasfa, che raccoglie le associazionifarmacistinon titolari, precisa di "non volere e né potere in questo momento commentare l'episodio specifico, sentite le poche informazioni e l'istruttoria aperta. Come in altre occasioni, la categoria e le organizzazioni professionali devono soffermarsi sul problema cronico dell'elusione delle norme. Contravvenire alle norme di Leggi e al Codice Deontologico comporta responsabilità specifiche e gravi del Farmacista. Purtroppo, spesso sottoposto a pressioni da più parti, si rischia di non rispettare le regole che tutelano, oltre il cittadino, la nostra professionalità". L'argomento sarà approfondito in un incontro già calendarizzato da tempo, sabato 5 Ottobre 2019 h. 14.00, in occasione di FarmacistaPiù a Milano: "Il rispetto delle regole per la Tutela della salute dei cittadini. Il valore del Codice Deontologico". L'intento conclude la nota è "capire e avviare delle azioni per prevenire questi episodi che inficiano la salute pubblica, ma allo stesso tempo danneggiano l'autorevolezza e l'immagine della nostra professione".

Approfondimenti

Morte dei fratelli a Firenze, si ipotizza mix alcool e analgesici acquistati senza ricetta
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi