Benessere

nov112013

Nanomateriali, i nuovi allergeni per la pelle

pelle lentiggini nei

Sono centinaia le sostanze chimiche e naturali che quotidianamente vengono a contatto con la nostra pelle procurando reazioni allergiche e irritazioni ma a preoccupare gli esperti è la comparsa di nuove allergie per esempio ai nanomateriali, e l'aumento di alcune già conosciute. Tra le novità emerse al congresso Nazionale Sidapa (Società italiana di dermatologia allergologica professionale e ambientale), che si è concluso ieri a Roma, gli effetti potenzialmente nocivi dei metalli pesanti e dei nanomateriali ormai presenti in oggetti di uso quotidiano come cellulari, computer, batterie, contenitori per alimenti, applicazioni dentali. «Ecco perchè oggi è importante» affermano Ornella De Pità dell'Idi e Antonio Cristaudo, dell'Istituto San Gallicano «tenere sotto controllo le nuove sostanze inquinanti immesse nell'ambiente e il loro effetto sulla cute come primo organo che ne manifesta i sintomi, ma che può avere gravi implicazioni anche a livello sistemico». Inoltre segnalano gli esperti sono in aumento le reazioni allergiche già note a prodotti di bigiotteria, tinture per capelli, shampoo, deodoranti, farmaci e cosmetici che vengono utilizzati quotidianamente da milioni di persone. La dermatite irritativa e quella allergica sono le reazioni più comuni: la prima, spiegano gli esperti, si sviluppa quando una sostanza irritante danneggia la pelle causando prurito, desquamazione e arrossamento della pelle. Frequenti le irritazioni nei soggetti predisposti e con pelli sensibili a detergenti, detersivi e prodotti cosmetici. La dermatite allergica si verifica in persone che sono allergiche a uno o più ingredienti di un prodotto specifico e quando il sistema immunitario del corpo reagisce contro la sostanza che ritiene estranea e dannosa. Le sostanze che possono causare la dermatite allergica sono il nichel (nel 20% delle giovani donne) contenuto appunto nella bigiotteria; il cobalto, il cromo, alcuni componenti della gomma, alcuni antibatterici. E poi vi sono numerose sostanze maneggiate durante le attività lavorative come le tinture per capelli. Pochi sanno che il 7% delle persone affette da dermatiti professionali lascia la propria attività lavorativa, dato che aumenta fino al 18% tra i parrucchieri.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO