Sanità

feb62012

Napoli, i ritardi nei rimborsi causano carenza di farmaci

di iorio_michele

Nelle farmacie partenopee diventa sempre più difficile reperire alcuni farmaci salvavita. Per ora si tratta di casi episodici, ma il timore è che con il passare del tempo le carenze possano allargarsi. Perché la causa del fenomeno è l’insolvenza ormai cronica dell’Asl Napoli 1: sono ormai tredici i mesi trascorsi dall’ultimo rimborso saldato ai titolari della città, che nei confronti dell’Azienda vantano crediti per più di 230 milioni di euro. E intanto industrie, grossisti e banche cominciano a chiudere i rubinetti. «È saltato il patto che consentiva alle farmacie napoletane di tirare avanti» spiega il presidente di Federfarma provinciale, Michele Di Iorio (nella foto) «ormai quando ordini quattro confezioni te ne consegnano una».
Sul tema venerdì c’è stato anche un incontro tra Di Iorio e il sub-commissario della Sanità campana, Achille Coppola: «Si profila il rischio di sospensione di pubblico servizio» prosegue «ci sono farmacie che potrebbero presto restare chiuse per mancanza di farmaci. E tutto per la negligenza di Asl e Regione». Anche perché i mancati pagamenti ingrossano il fenomeno delle esportazioni parallele: «I titolari devono tirare a campare» ricorda Di Iorio «ormai le farmacie che non hanno un’autorizzazione per l’attività di intermediazione si contano sulle dita».


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO